Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 14 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Mick Jagger sottoposto a intervento di TAVR. Annullata la tournée dei Rolling Stones

Dopo gli studi appena presentati al congresso dell’American College of Cardiology e le relative pubblicazioni sul NEJM, la TAVR (transcatheteraortic valve replacement) torna a far parlare di sé. Mick Jagger, leader del mitici Rolling Stones è appena stato sottoposto a intervento di sostituzione transcatetere della valvola aortica (TAVR) in un ospedale di New York. Intervento mini-invasivo a breve degenza ma lunga convalescenza per lo scatenato frontman dei Rolling Stones

05 APR - Nei giorni scorsi Mick Jagger aveva postato su Twitter un messaggio di scuse per i suoi fan (I'm devastated for having to postpone the tour but I will be working very hard to be back on stage as soon as I can. Once again, huge apologies to everyone), scusandosi per il fatto di dover cancellare la tournée nord-americana prevista per questa primavera (17 date per 200 milioni di sterline di biglietti venduti). Problemi di salute, di cuore in particolare sono stati i rumors trapelati all’indomani del tweet. E adesso è addirittura l’ufficio stampa dell’American Heart Association a svelare l’arcano. Il frontman dei Rolling Stones presentava una stenosi aortica serrata, risolta con un intervento mini-invasivo, la TAVR.
 
<iframe src="https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fmickjaggerofficial%2Fposts%2F2378253982208437&width=500" width="500" height="231" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowTransparency="true" allow="encrypted-media"></iframe>

 
Il 75enne Mick Jagger è stato sottoposto alla procedura presso un ospedale di New York e per riprendere la tournée dovrà stare fermo qualche mese, anche se normalmente la ripresa da una TAVR è decisamente più rapida che da un intervento si sostituzione valvolare tradizionale. Ma i suoi medici non vogliono sorprese vista che l’energia che Mick profonde nelle sue performance live.
 
Cos’è la TAVR
La TAVR è un intervento di sostituzione della valvola aortica mini-invasivo.
La procedura può essere effettuata con due possibili approcci: quello transfemorale (il cardiologo/chirurgo entra con il catetere dall’arteria femorale) o quello chirurgico mini-invasivo che prevede una piccola incisione a livello del torace e l’introduzione del catetere in una grande arteria toracica o dall’apice del ventricolo sinistro (approccio trans apicale). La degenza in ospedale è in media di 3-5 giorni.
Al momento la procedura è riservata ai pazienti per i quali un intervento cardochirurgico tradizionale comporterebbe un rischio intermedio-severo; il candidato ‘tipo’ alla TAVR ha 70-80 anni (Jagger ne ha 75) e ha spesso delle comorbilità associate.
 
Gli ultimi studi sulla TAVR presentati a New Orleans al congresso dell’ACC
L’utilizzo della TAVR potrebbe però presto vedere un’ulteriore espansione delle indicazioni, anche ai soggetti a basso rischio. All’ultimo congresso dell’American College of Cardiology, con pubblicazione contemporanea sul NEJM, sono stati presentati due studi nei quali la TAVR è stata effettuata su pazienti a basso rischio chirurgico.
Nello studio PARTNER 3 i pazienti con stenosi aortica serrata a basso rischio chirurgico, sottoposti a TAVR, hanno riportato un tasso di mortalità, ictus e nuovi ricoveri significativamente inferiore rispetto a quelli sottoposti ad intervento chirurgico tradizionale.
In un secondo studio, l’EVOLUT, sempre condotto su pazienti a basso rischio chirurgico, la TAVR effettuata con una bioprotesi autoespandibile sopra-annulare, è risultata non inferiore all’intervento chirurgico rispetto ad un endpoint composito di mortalità o stroke invalidante a 24 mesi.
 
“Abbiamo ormai sperimentato la TAVR in un’ampia gamma di pazienti – commenta Michael J. Reardon, primo autore dell’EVOLUT – quelli a rischio chirurgico alto, intermedio e basso  e questa serie di trial ha dimostrato che la TAVR è superiore o altrettanto valida dell’intervento chirurgico tradizionale in termini di risparmio di ictus invalidanti e di mortalità per tutte le cause. Visti questi risultati, sembra ormai ragionevole considerare di riscrivere le linee guida, assegnando alla TAVR, nei pazienti con stenosi aortica serrata a basso rischio chirurgico, una raccomandazione di classe I nelle linee guida, alla pari con l’intervento chirurgico. Gli studi PARTNER 3 ed EVOLUT saranno tra l’altro con tutta probabilità gli ultimi della serie ‘TAVR versus chirurgia’ visti i risultati positivi ottenuti in entrambi gli studi”.
 
La letteratura scientifica testimonia dunque l’efficacia e la superiorità della TAVR, in termini di safety ed eventi indesiderati risparmiati, rispetto all’intervento chirurgico  tradizionale di sostituzione della valvola aortica (SAVR) in una vasta gamma di pazienti, compresi quelli a basso rischio chirurgico. Ma di certo, un testimonial (suo malgrado) del calibro di Mick Jagger, darà un enorme impulso alla conoscenza di questo intervento a livello del grande pubblico, proittandolo nel mito.
 
Maria Rita Montebelli

05 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy