Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 18 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Insonnia frequente tra i pazienti oncologici

I disturbi del sonno, fino all’insonnia, sono molto frequenti tra i pazienti oncologici. Uno studio pubblicato da Sleep Medicine rende conto di come, a un anno della comparsa del disturbo, il 64% dei pazienti soffra ancora di insonnia

17 APR - (Reuters Health) – Un piccolo studio condotto in Germania ha rilevato che circa la metà dei pazienti oncologici presenta sintomi di insonnia e molti possono avere problemi di sonno che durano almeno un anno. Nei Paesi sviluppati, a soffrire di insonnia cronica è il 10% degli adulti e i pazienti oncologici sono particolarmente predisposti. Anche se i disturbi del sonno sono stati associati a esiti infausti per i soggetti con un tumore, le ricerche finora non hanno delineato un quadro chiaro delle circostanze per cui i problemi del sonnoincidono maggiormente nelle persone trattate per un tumore.
 
Lo studio.
I ricercatori – guidati da Katharina Schieber, della Friedrich-Alexander University di Erlangen-Nürnberg – hanno esaminato i dati relativi a 405 pazienti tumorali in Germania che avevano un’età media di 59 anni e hanno completato due valutazioni della gravità dell’insonnia: una all’inizio dello studio e un’altra dodici mesi dopo. Le patologie oncologiche maligne più comuni erano rappresentate da tumore della mammella, tumore della prostata o dei testicoli e cancro colorettale. 

 
La maggior parte dei pazienti – l’83% – erano in cura per la prima volta per un tumore. Il resto aveva recidive o tumori secondari in un sito diverso rispetto a quello del tumore originario. All’inizio dello studio, il 49% dei pazienti presentava sintomi di insonnia e il 13% aveva problemi di sonno abbastanza gravi da soddisfare la definizione clinica di insonnia. Dopo un anno, il 64% dei pazienti presentava ancora sintomi.

“Ciò è importante per i pazienti, perché potrebbero presumere che l’insonnia scompaia con il passare del tempo, quando si conclude la terapia per il cancro o l’umore migliora. Purtroppo spesso non è così”, dice Eric Zhou del Dana-Farber Cancer Institute di Boston, non coinvolto nello studio.
Alla fine dello studio durato un anno, il 53% delle donne e il 39% degli uomini presentavano sintomi di insonnia.

Nelle donne, l’unico fattore che è sembrato influenzare la presenza di insonnia alla fine dello studio era la presenza della stessa all’inizio della ricerca.
Tuttavia, negli uomini, la depressione o l’utilizzo di psicofarmaci all’inizio dello studio sono stati associati a un maggior rischio di insonnia alla fine dello stesso. Sia tra gli uomini che tra le donne i livelli di sofferenza, depressione e ansia sono aumentati nel corso dell’anno di osservazione.

Fonte: Sleep Medicine
 
Lisa Rapaport
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

17 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy