Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale malaria. Nel 2017 registrati 219 milioni di casi e 435 mila decessi. Oms: “I progressi si sono fermati”, ma c’è speranza con il nuovo vaccino

“Globalmente, il mondo ha compiuto incredibili progressi contro la malaria. Ma siamo ancora troppo lontani dal punto finale che cerchiamo: un mondo libero dalla malaria” afferma il Dg Tedros Adhanom Ghebreyesus che lancia il claim per la giornata 2019: “Zero malaria starts with me”.

25 APR - Si celebra oggi la Giornata mondiale contro la malaria, istituita nel 2007 dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). “La malaria – sottolinea l’Organizzazione - costituisce un enorme problema sanitario mondiale ed è la principale causa di morbilità e mortalità in numerose nazioni”.
 
Ma l’Oms rileva come “dopo oltre un decennio di progressi costanti nella lotta contro la malaria, i progressi si sono stabilizzati. Secondo l'ultimo rapporto mondiale sulla malaria dell'OMS, non sono stati fatti significativi guadagni nel ridurre i casi di malaria nel periodo 2015-2017. Il numero stimato di morti per malaria nel 2017, a 435.000, è rimasto praticamente invariato rispetto all'anno precedente”. In questo senso la regione africana dell'OMS continua a sostenere oltre il 90% del carico globale sulla malaria. E 'preoccupante che nei 10 paesi africani più colpiti dalla malaria ci siano stati circa 3,5 milioni di casi in più della malattia nel 2017 rispetto all'anno precedente. In ogni caso molte speranze sono nutrite verso il vaccino sperimentale che proprio in questi giorni ha mosso i suoi primi passi su larga scala.

 
“È necessaria un'azione urgente – sottolinea l’Oms - e la titolarità della sfida è nelle mani dei paesi più colpiti dalla malaria”. In occasione della Giornata Mondiale l'OMS si unisce alla Partnership RBM con End Malaria, la Commissione dell'Unione Africana e altre organizzazioni partner nel promuovere "Zero malaria inizia con me", una campagna di base che mira a mantenere la malaria in cima all'agenda politica, a mobilitare risorse aggiuntive e a responsabilizzare le comunità affinché si assumano la responsabilità della prevenzione e dell'assistenza alla malaria.
 
La campagna "Zero malaria", lanciata per la prima volta in Senegal nel 2014, è stata ufficialmente approvata dal vertice dell'Unione Africana da tutti i capi di stato africani nel luglio 2018. Coinvolge tutti i membri della società: leader politici che controllano le decisioni e i budget delle politiche governative; aziende del settore privato che beneficeranno di una forza lavoro libera dalla malaria; e le comunità colpite dalla malaria, il cui buy-in e la proprietà degli interventi di controllo della malaria sono fondamentali per il successo.
 
Come ha notato il Direttore Generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus “l'iniziativa individuale e comunitaria attraverso iniziative di base come la campagna "Zero malaria" può svolgere un ruolo fondamentale nel guidare i progressi nella lotta globale contro la malaria”.
 
"Globalmente, il mondo ha compiuto incredibili progressi contro la malaria. Ma siamo ancora troppo lontani dal punto finale che cerchiamo: un mondo libero dalla malaria. Ogni anno, il numero totale di nuovi casi di malaria supera i 200 milioni. E ogni 2 minuti, un bambino muore da questa malattia prevenibile e curabile. Il danno inflitto si estende ben oltre la perdita di vite umane: la malaria colpisce pesantemente i sistemi sanitari, indebolendo la produttività ed erodendo la crescita economica. In definitiva, investire nell'assistenza sanitaria universale è il modo migliore per garantire che tutte le comunità abbiano accesso ai servizi di cui hanno bisogno per sconfiggere la malaria. L'empowerment individuale e comunitario attraverso iniziative di base come "Zero malaria inizia con me" può anche svolgere un ruolo fondamentale nel guidare i progressi. "
 
I casi nel mondo
Secondo l'ultimo rapporto dell'OMS nel 2017:
- sono stati stimati 219 milioni di casi di malaria in 87 paesi
- il numero stimato di decessi, pari a 435.000, è rimasto praticamente invariato rispetto all'anno precedente
- la regione africana dell'OMS continua a rappresentare circa il 90% dei casi di malaria e dei decessi nel mondo.
Nei 10 paesi africani più colpiti dalla malaria (Burkina Faso, Camerun, Camerun, Repubblica democratica del Congo, Ghana, Mali, Mozambico, Niger, Nigeria, Uganda e Repubblica unita di Tanzania), si stima che nel 2017 si sono registrati 3,5 milioni di casi di malaria in più rispetto all'anno precedente.
 
In Italia
Nel nostro Paese, a partire dagli anni '50, la malattia è scomparsa, i casi di malaria attualmente registrati sono "di importazione", cioè contratti all'estero, in zone malariche, da viaggiatori internazionali. 
 
L'Italia ha un ruolo di rilievo nella costituzione del Fondo Globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria (GFATM) sin dal 2001 e, come stato membro dell’ONU, si è impegnata e continua a impegnarsi a combattere e arrestare la diffusione dell’HIV, tubercolosi e malaria entro il 2030 (Obiettivi di Sviluppo Sostenibile - Sustainable Development Goals - SDGs).

25 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy