Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 12 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Anche le donne russano. E altrettanto forte

Uno studio israeliano sfata una convinzione ben radicata, che identifica nell’uomo di mezza età e sovrappeso il russatore ideale. Anche le donne russano e allo stesso “volume” degli uomini. Tuttavia, hanno una percezione meno forte della loro condizione, che spesso non le porta a rivolgersi agli specialisti indicati

30 APR - (Reuters Health) – Il russamento, da sempre, viene considerato un problema maschile. Ma un nuovo studio indica che anche le donne russano e spesso non lo ammettono. E anche quando lo fanno, credono, erroneamente, che il loro russare sia meno forte di quello degli uomini. Su circa 2.000 pazienti giunti in un laboratorio per delle ricerche sul sonno, un team di ricercatori israeliani, guidati da Nimrod Maimon – professore presso la Ben-Gurion University di Negev e responsabile di medicina interna presso il Soroka University Medical Center – hanno scoperto che quasi il 40% delle donne che si dichiaravano non russatrici presentavano un’intensità di russamento grave o molto grave.
 
Il russamento può essere un sintomo di apnea notturna, che aumenta il rischio di ipertensione, cardiopatie e ictus. “Abbiamo osservato che sebbene non vi fosse alcuna differenza di genere nell’intensità di russamento, le donne tendevano a sottosegnalare che russavano e a sottostimare la rumorosità del loro russamento”, dice Nimrod Maimon.

Lo studio
Dei 1.913 pazienti entrati nello studio, 675 erano donne e 1.238. uomini L’età media era 49 anni. Nell’ambito della valutazione, i pazienti sono stati invitati a compilare un questionario sulla gravità del loro russamento. Successivamente, mentre i pazienti dormivano, è stato misurato il volume del russamento con un fonometro digitale. L’intensità del russamento è stata classificata come lieve se era compresa tra i 40 e i 45 decibel, moderata da 45 a 55 decibel, grave da 55 a 60 decibel o molto grave se pari o superiore ai 60 decibel.


Quando sono stati analizzati i volumi del russamento si è scoperto che le donne russavano altrettanto forte degli uomini. Inoltre, sebbene il 28% delle donne avessero dichiarato di non russare, ciò corrispondeva alla realtà soltanto nel 9% dei casi. Negli uomini, i numeri non erano così impressionanti: il 6,8% aveva dichiarato di non russare, ma in realtà non lo faceva solo il 3,5%.
 
“I risultati di questo studio suggeriscono ai medici di cercare altri segni di apnea notturna nelle donne piuttosto che basarsi su un’autosegnalazione del russamento”, osservano Maimon e colleghi.

“Le donne hanno maggiori probabilità di presentarsi dal medico lamentando “sintomi diurni come affaticamento, stanchezza o depressione”, dice Ryan Soose, direttore del reparto di chirurgia del sonno presso lo University of Pittsburgh Medical Center, non coinvolto nello studio. “Gli uomini hanno maggiori probabilità di manifestare problemi durante la notte, come svegliarsi ansimando o con una sensazione di soffocamento e recandosi spesso al bagno. Alla fine molte donne ricevono una diagnosi sbagliata, confusa con altre condizioni, o non vengono indirizzate a test e trattamenti appropriati”.

Fonte: Journal of Clinical Sleep Medicine
 
Linda Carroll
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

30 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy