Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Le coronaropatie possono accelerare il deterioramento cognitivo

Uno studio finlandese ha seguito per 12 anni quasi 8 mila adulti che avevano in media 62 anni. Alla fine del periodo di osservazione, chi aveva sviluppato una malattia coronarica o subito un infarto, presentava un deterioramento cognitivo più rapido rispetto a coloro che non erano cardiopatici.

24 GIU - (Reuters Health) – Gli adulti con coronaropatie sono più inclini al deterioramento cognitivo rispetto ai loro coetanei che non soffrono di queste patologie. Per circa 12 anni, i ricercatori dell’Università di Turku, in Finlandia, hanno seguito 7.888 adulti, partendo da quando avevano in media 62 anni. All’inizio dello studio, nessuno aveva avuto ictus, infarto del miocardio, angina o demenza nell’anamnesi.
 
Prima della fine dello studio, 480 persone, il 5,6% dei partecipanti, hanno avuto un infarto al miocardio o hanno sviluppato angina. Prima di questi eventi e subito dopo, i pazienti hanno mostrato tassi annuali di deterioramento cognitivo simili a quelli dei partecipanti che non avevano avuto infarto miocardico o angina. Invece, qualche tempo dopo la diagnosi di infarto al miocardio o angina, i pazienti hanno manifestato un deterioramento cognitivo più rapido rispetto alle loro controparti Inoltre, anche in termini di abilità verbali, fluidità delle parole e capacità critiche.

“Anche una leggera impennata nel deterioramento cognitivo potrebbe accelerare l’invecchiamento cognitivo,vero e proprio”, commenta Suvi Rovio, autrice principale dello studio. ”Pertanto, i pazienti che hanno avuto un evento cardiovascolare dovrebbero essere monitorati per la loro funzione cognitiva non solo intensamente dopo l’evento, ma anche frequentemente, e il monitoraggio dovrebbe continuare per un periodo più lungo dopo l’evento”.

 
Fonte: Journal of the American College of Cardiology 2019

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

24 giugno 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy