Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 12 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Le scuse degli psicoanalisti Usa alla comunità Lgbtq: “Abbiamo contribuito alle discriminazioni”

Nel 1969, l'omosessualità era considerata una malattia mentale da curare, anche con la forza, sottopoendo le persone a metodi traumatici e dannosi per far venir meno i desideri omosessuali e le identità di genere non conformi. Negli ultimi decenni, l'American Psychoanalytic Association  ha sostenuto l'uguaglianza LGBTQ. Nel 1997, l'associazione è diventata la prima organizzazione di salute mentale tradizionale a sostenere anche  l'uguaglianza dei matrimoni.

24 GIU - L'American Psychoanalytic Association (APsaA) si è scusata con la comunità LGBTQ per aver in passato parlato dell'omosessualità e dell'identità transgender come di una patologia. Le scuse sono arrivate mentre negli Stati Uniti si celebra il 50° anniversario della rivolta di Stonewall a New York City nel 1969 considerata simbolicamente come l'evento di nascita del movimento di liberazione gay della nostra epoca. 
 
"In quegli anni - si legge in una nota degli psicoanalisti americani - l'omosessualità era considerata una malattia mentale e l'orientamento sessuale era confuso con l'identità di genere nel campo della salute mentale. Ciò ha portato molti ad essere costretti, anche con la forza, a sottoporsi a metodi traumatici e dannosi per "curare" i desideri omosessuali e le identità di genere non conformi. Questa convinzione ha anche contribuito a diffuse discriminazioni e pregiudizi nell'assegnazione di alloggi, nell'occupazione, nella sanità e nella società in generale".
 
"Purtroppo alcune delle conoscenze dell'epoca sull'omosessualità e sull'identità di genere possono essere attribuite all'istituzione psicoanalitica americana - ha affermato Lee Jaffe, presidente di APsaA -. È tempo di riconoscerlo e chiedere scusa per il nostro ruolo nella discriminazione e per i traumi causati dalla nostra professione".

 
Negli ultimi decenni, APsaA ha sostenuto l'uguaglianza LGBTQ. Nel 1997, l'associazione è diventata la prima organizzazione di salute mentale tradizionale a sostenere l'uguaglianza dei matrimoni e da allora ha rilasciato dichiarazioni di posizione e pressioni per porre fine alla terapia di conversione, per revocare il divieto alle persone LGBTQ di prestare servizio militare, per affrontare il bullismo e le molestie dei giovani LGBTQ e per far avanzare i diritti civili in generale.

24 giugno 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy