Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 GENNNAIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ondate di calore. La guida Oms per difendersi e prevenire i danni anche gravi che il caldo eccessivo può provocare. Dal cibo ai farmaci

L'esposizione della popolazione al calore, spiega l’Oms, è in aumento a causa dei cambiamenti climatici e questa tendenza continuerà. Globalmente, si osservano eventi estremi di temperatura in aumento nella loro frequenza, durata e magnitudine. Nel 2003, 70.000 persone in Europa sono morte a causa dell'ondata di calore di giugno-agosto, nel 2010, 56.000 morti in eccesso si sono verificate durante un'ondata di calore di 44 giorni nella Federazione Russa. L'esposizione a calore eccessivo ha impatti fisiologici su vasta scala per tutti gli esseri umani, spesso amplificando le condizioni esistenti e causando morte prematura e disabilità. LE LINEE GUIDA OMS.

27 GIU - Proteggere la salute dall'aumento delle temperature e dal calore estremo è fondamentale secondo l’Oms che in questo periodo ha diffuso indicazioni specifiche e rilanciato le sue linee guida per il pubblico e gli operatori sanitari.

L'esposizione della popolazione al calore, spiega l’Oms, è in aumento a causa dei cambiamenti climatici e questa tendenza continuerà. Globalmente, si osservano eventi estremi di temperatura in aumento nella loro frequenza, durata e magnitudine. 

Tra il 2000 e il 2016, il numero di persone esposte alle ondate di calore è aumentato in media di di circa 125 milioni l'anno. Solo nel 2015, 175 milioni di persone in più sono state esposte a ondate di calore rispetto agli anni precedenti.

Gli eventi singoli possono durare settimane, verificarsi consecutivamente e causare una significativa mortalità in eccesso. 

Nel 2003, 70.000 persone in Europa sono morte a causa dell'ondata di calore di giugno-agosto, nel 2010, 56.000 morti in eccesso si sono verificate durante un'ondata di calore di 44 giorni nella Federazione Russa.

L'esposizione a calore eccessivo ha impatti fisiologici su vasta scala per tutti gli esseri umani, spesso amplificando le condizioni esistenti e causando morte prematura e disabilità.

Gli impatti negativi sulla salute del calore sono prevedibili e ampiamente prevenibili con azioni specifiche di sanità pubblica. L'Oms in questo senso ha emanato una guida alla salute pubblica per il pubblico in generale e per i professionisti medici per far fronte al caldo estremo.
 
Le temperature globali e la frequenza e l'intensità delle ondate di calore aumenteranno nel 21° secolo a causa dei cambiamenti climatici. Periodi prolungati di alte temperature diurne e notturne creano uno stress fisiologico cumulativo sul corpo umano che esacerba le principali cause di morte a livello globale, tra cui malattie respiratorie e cardiovascolari, diabete mellito e malattie renali. 

Le ondate di caldo possono avere un forte impatto sulle grandi popolazioni per brevi periodi di tempo, spesso innescano emergenze sanitarie pubbliche e provocano un eccesso di mortalità e impatti socioeconomici a cascata (ad es. perdita di capacità lavorativa e produttività del lavoro). 

Possono anche causare la perdita della capacità di erogazione del servizio sanitario, in cui le carenze di energia elettrica che spesso accompagnano ondate di calore interrompono le strutture sanitarie, i trasporti e le infrastrutture idriche.

La consapevolezza dei rischi per la salute delle ondate di calore e dell'esposizione prolungata a temperature più elevate rimane insufficiente. Gli operatori sanitari devono adeguare la pianificazione e gli interventi per tener conto dell'aumento delle temperature e delle ondate di calore. 

Gli interventi pratici, fattibili e spesso a basso costo a livello individuale, comunitario, organizzativo, governativo e sociale, possono salvare vite umane.
L'aumento delle temperature ambientali globali interessa tutte le popolazioni. Tuttavia, alcune popolazioni sono più esposte, più o fisiologicamente o socio-economicamente vulnerabili allo stress fisiologico, a malattie amplificate e a un aumentato rischio di morte per esposizione al calore eccessivo. 
Queste includono anziani, neonati e bambini, donne incinte, lavoratori esterni e manuali, atleti e poveri. Il genere può svolgere un ruolo importante nel determinare l'esposizione al calore.
 
L'aumento di calore nel corpo umano può essere causato da una combinazione di calore esterno proveniente dall'ambiente e calore corporeo interno generato dai processi metabolici. Rapidi aumenti di calore dovuti all'esposizione a condizioni più calde della media, compromettono la capacità del corpo di regolare la temperatura e possono provocare una serie di malattie, tra cui crampi termici, esaurimento da calore, colpo di calore e ipertermia. 

Le morti e le ospedalizzazioni dal caldo possono verificarsi  in modo rapido (lo stesso giorno), o avere un effetto ritardato (alcuni giorni dopo) e provocare un'accelerazione della morte o della malattia nel soggetto già fragile, particolarmente osservato nei primi giorni di ondate di calore. 
Anche piccole differenze rispetto alle temperature medie stagionali sono associate a un aumento delle malattie e alla morte. Temperature estreme possono anche peggiorare le condizioni croniche, tra cui quelle cardiovascolari e respiratorie,

Il calore ha anche importanti effetti indiretti sulla salute. Le condizioni di calore possono alterare il comportamento umano, la trasmissione di malattie, l'erogazione di servizi sanitari, la qualità dell'aria e infrastrutture sociali critiche come energia, trasporti e acqua. 

La portata e la natura degli impatti sulla salute del calore dipendono dal tempo, dall'intensità e dalla durata di un evento di temperatura, dal livello di acclimatazione e dall'adattabilità della popolazione locale, delle infrastrutture e delle istituzioni al clima prevalente. 

La soglia precisa alla quale la temperatura rappresenta una condizione pericolosa varia in base alla regione, ad altri fattori come umidità e vento, ai livelli locali di acclimatazione e preparazione per le condizioni di calore.
 

 
Ecco alcune misure da intraprendere tratte da linee guida sulla salute pubblica in caso di ondate di calore tratte dalla pubblicazione Oms dedicata al pubblico e agli operatori sanitari,  pubblicate dall'Ufficio Regionale per l'Europa dell'Oms.
 
L’Oms indica una serie di misure che andrebbero comunque previste.

Mantieni la tua casa fresca
- Punta a mantenere fresco il tuo spazio vitale. Controllare la temperatura della stanza tra le 08:00 e le 10:00, alle 13:00 e la notte dopo le 22:00. Idealmente, la temperatura della stanza dovrebbe essere mantenuta sotto i 32 ° C durante il giorno e 24 ° C durante la notte. Questo è particolarmente importante per i bambini o le persone che hanno più di 60 anni o hanno condizioni di salute croniche.
 
- Usa l'aria della notte per rinfrescare la tua casa. Aprire tutte le finestre e le persiane durante la notte e al mattino presto, quando la temperatura esterna è inferiore (se è sicuro farlo).
 
- Ridurre il carico di calore all'interno dell'appartamento o della casa. Chiudi finestre e persiane (se disponibili) in particolare quelle rivolte verso il sole durante il giorno. Disattiva l'illuminazione artificiale e il maggior numero possibile di dispositivi elettrici.
 
- Utilizza ciò che può fare ombra, tendaggi, tende da sole o persiane su finestre che ricevono il sole del mattino o del pomeriggio.
 
- Appendi gli asciugamani bagnati per rinfrescare l'aria della stanza. Si noti che l'umidità dell'aria aumenta allo stesso tempo.
 
- Se la tua residenza è climatizzata, chiudi le porte e le finestre e risparmia energia elettrica non necessaria per mantenerti fresco, per garantire che la corrente rimanga disponibile e ridurre le possibilità di un'interruzione alla comunità.
 
- I ventilatori elettrici possono fornire sollievo, ma quando la temperatura è superiore a 35 ° C, non possono prevenire malattie legate al calore. È importante bere liquidi.

Tenersi lontani dal calore
- Spostati nella stanza più fresca della casa, specialmente di notte.
 
- Se non è possibile mantenere la casa fresca, trascorri 2-3 ore al giorno in un luogo fresco (come un edificio pubblico con aria condizionata).
 
- Evita di andare fuori durante il momento più caldo della giornata.
 
- Evita un'attività fisica intensa se puoi. Se devi fare attività faticose, fallo durante la parte più fresca della giornata, che di solito è la mattina tra le 4:00 e le 7:00.
 
- Stai all'ombra
 
- Non lasciare bambini o animali nei veicoli parcheggiati.
 
- Mantenere il corpo fresco e idratato
 
- Fai docce o bagni rinfrescanti. Le alternative includono impacchi freddi, asciugamani bagnati, spugnature, pediluvi, ecc.
 
- Indossa abiti leggeri e larghi fabbricati con materiali naturali. Se esci, indossa un cappello a tesa larga o berretto e occhiali da sole.
 
- Utilizza lenzuola leggere, senza cuscini, per evitare l'accumulo di calore.
 
- Bevi regolarmente, ma evita l'alcol e troppa caffeina e zucchero.
 
- Mangia piccoli pasti e più spesso. Evita cibi ad alto contenuto di proteine.

Aiutare gli altri
- Pianifica di controllare familiari, amici e vicini che trascorrono molto del loro tempo da soli. Le persone vulnerabili potrebbero aver bisogno di assistenza nelle giornate calde.
 
- Parlate delle ondate di calore estreme con la vostra famiglia. Tutti dovrebbero sapere cosa fare nei luoghi in cui trascorrono tempo.
 
- Se qualcuno che conosci è a rischio, aiutalo a ricevere consigli e supporto. Le persone anziane o malate che vivono da sole dovrebbero essere visitate almeno ogni giorno.
 
- Se una persona sta assumendo farmaci, chiedi al medico curante come possono influenzare la termoregolazione e l'equilibrio dei liquidi.
 
- Fai un corso di primo soccorso per imparare come trattare le emergenze termiche e altre emergenze. Tutti dovrebbero sapere come rispondere.

Se hai problemi di salute
- Conserva i medicinali al di sotto dei 25 ° C o nel frigorifero (leggere le istruzioni di conservazione sulla confezione).
 
- Consultare un medico se si soffre di una condizione medica cronica o se si assumono più farmaci.

Se voi o gli altri non vi sentite bene
- Cerca di ottenere aiuto in caso di vertigini, debolezza, ansia o sete e mal di testa intensi; spostati in un luogo fresco il più presto possibile e misura la temperatura corporea.
 
- Bevi acqua o succo di frutta per reidratare.
 
- Riposa immediatamente in un luogo fresco se si hanno spasmi muscolari dolorosi (in particolare alle gambe, alle braccia o all'addome, in molti casi dopo un esercizio prolungato con un clima molto caldo) e bevi soluzioni di reidratazione orale contenenti elettroliti. L'attenzione medica è necessaria se i crampi termici durano più di un'ora.
 
- Consultare il proprio medico se si avvertono sintomi insoliti o se i sintomi persistono.
 
- Posizionare una persona incosciente su un lato.

Se uno dei membri della sua famiglia o le persone che assistiti presentano pelle calda e delirio, convulsioni e / o stato di incoscienza, chiama immediatamente un medico / ambulanza. In attesa di aiuto, sposta la persona in un luogo fresco, mettila in posizione orizzontale e solleva gambe e fianchi, rimuovi gli indumenti e inizia il raffreddamento esterno, ad esempio posizionando impacchi freddi sul collo, sulle ascelle e sull'inguine, Fagli aria continuamente e spruzzando la pelle con acqua a 25-30° C misura la temperatura corporea. Non somministrare acido acetilsalicilico o paracetamolo.

27 giugno 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy