Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Depressione e diabete. Uso antidepressivi riduce rischio mortalità

Secondo uno studio retrospettivo pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, nei soggetti diabetici e depressi, l’uso di antidepressivi sarebbe associato ad un rischio ridotto di mortalità

09 LUG - (Reuters Health) - Nei pazienti con diabete mellito (DM) e depressione, il consumo di antidepressivi sarebbe associato ad un rischio ridotto di mortalità. Questi i risultati di uno studio retrospettivo pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. “I nostri dati forniscono ulteriori prove a supporto dell’importanza dello screening e del trattamento della depressione nelle persone con diabete mellito”, ha osservato Vincent Chin-Hung Chen della Chang Gung Medical University di Taiwan, autore principale dello studio.

I pazienti affetti da DM presentano un rischio più elevato di sviluppare un disturbo depressivo maggiore e, entrambe le condizioni, contribuiscono indipendentemente all'aumento della mortalità, scrivono Chen e colleghi nel loro rapporto.

Lo studio
I ricercatori hanno esaminato un campione di 53.412 pazienti con DM a cui è stata diagnosticata la depressione dopo il 2000. Tra questi, 50.532 erano trattati con antidepressivi. I pazienti sono stati seguiti fino al 2013 o alla loro morte. I pazienti trattati con antidepressivi erano in media più giovani, con un status socioeconomico migliore e vivevano in città. Ad un aumento dell’esposizione cumulativa totale alla dose degli antidepressivi, corrispondeva una diminuzione della mortalità. L'effetto è diventato statisticamente significativo con una dose cumulativa definita giornaliera (cDDD) superiore a 28. Con una cDDD superiore a 84, la mortalità era inferiore del 35%.

 
Gli autori hanno osservato una riduzione significativa della mortalità con una cDDD maggiore o uguale a 84 della maggior parte dei farmaci: gli inibitori selettivi del recettore della serotonina, della norepinefrina, la mirtazapina, gli antidepressivi tricicli o tetraciclici e il trazodone. La mortalità era invece più alta con dosi basse o alte di monoammina ossidasi A.
 
“La ricerca mette in luce un’associazione e non una relazione causa-effetto, quindi i risultati dovrebbero essere interpretati con cautela”, ha affermato Chen. “Servono altri studi che replichino i risultati, soprattutto ricerche condotte in paesi diversi. Inoltre occorrono prove cliniche più dirette e ricerche di base che confermino questa associazione”.
 
Fonte: J Clin Endocrinol Metab 2019.
 
Anne Harding
 
(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

09 luglio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy