Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Esperienze positive da bambini e salute mentale da adulti

Il legame tra esperienze positive fatte nell’infanzia e salute mentale da adulti è già stato oggetto di investigazione scientifica. Lo studio condotto dalla Johns Hopkins University di Baltimora ha valutato questo rapporto con un’intervista strutturata oltre 6 mila adulti

10 SET - (Reuters Health) – I bambini che vivono un maggior numero di esperienze positive con la famiglia, gli amici e le persone all’interno della vita di comunità hanno minori probabilità di avere difficoltà psicologiche e relazionali da adulti. “Le esperienze avverse durante l’infanzia come abuso, rifiuto, violenza e assenza genitoriale sono da tempo legate a effetti negativi duraturi sulla salute fisica e mentale, osservano gli autori dello studio su JAMA Pediatrics. “Tuttavia, non si sa ancora molto sulla possibilità che le esperienze positive rendano più semplice ai bambini reagire o su cosa accade quando i piccoli vivono un mix di esperienze positive e negative”.

Lo studio

I ricercatori della Bloomberg School of Public Health presso la Johns Hopkins University di Baltimora – guidati da Christina Bethell - hanno chiesto a 6.118 adulti quanto spesso durante l’infanzia si sono sentiti capaci di parlare dei propri sentimenti a famiglia e amici, hanno percepito la vicinanza della propria famiglia durante momenti di difficoltà, hanno partecipato alle attività della comunità, hanno provato un senso di appartenenza durante le scuole superiori, si sono sentiti supportati dagli amici, hanno avuto almeno due adulti che non fossero i genitori che si sono interessati a loro e, infine, quanto spesso si sono sentiti sicuri e protetti dalla presenza di un adulto in casa.


Nel complesso, gli adulti che hanno riferito dalle sei alle sette esperienze positive del genere avevano il 72% in meno delle probabilità di essere depressi o di avere almeno 14 giorni di cattiva salute mentale al mese rispetto a coloro che hanno riferito non più di due esperienze positive. Anche da tre a cinque esperienze positive erano legate a un 50% in meno di probabilità di depressione o precaria salute mentale rispetto a due o meno.

Queste associazioni si sono mantenute anche quando i rispondenti hanno segnalato molteplici esperienze negative durante l’infanzia.
“L’assenza dei tipi di esperienze infantili positive che abbiamo valutato nel nostro studio è molto stressante per un bambino”, dice l’autrice principale dello studio, Christina Bethell. “Senza un sostegno amorevole, gli ormoni dello stress dei bambini possono rimanere alti e ciò influisce su come si sviluppa il cervello in modi che rendono loro più difficile percepire sicurezza, rilassatezza e diventare aperti, curiosi e imparare ad avere relazioni positive con gli altri”.

La correlazione tra esperienze di vita positive e salute mentale e rapporti umani migliori si è mantenuta anche nelle persone che hanno avuto esperienze avverse durante l’infanzia.
Rispetto ai partecipanti che hanno segnalato non più di due esperienze positive da bambini, le persone che ne hanno vissute da sei a sette avevano oltre il triplo delle probabilità di riferire che da adulti hanno “sempre” ricevuto il supporto sociale ed emotivo che necessitavano.

Quando i soggetti non avevano avuto più di due esperienze positive durante l’infanzia, solo un terzo ha segnalato di avere sempre ricevuto supporto, anche quando non vi era alle spalle una storia di esperienze negative da bambini.

Fonte: JAMA Pediatrics 2019
 

Lisa Rapaport
 

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

10 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy