Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 21 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Varianti genetiche dell’insonnia e rischio cardiovascolare

 Alcune varianti genetiche associate all’insonnia sembrano aumentare le probabilità di patologie cardiovascolari. È quanto emerge da uno studio condotto da ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, della Uppsala University di Uppsala e dall’Università di Cambridge

11 SET - (Reuters Health) – Diversi studi osservazionali hanno posto attenzione all’associazione tra insonnia e rischio di malattie cardiovascolari, ma ad oggi la natura causale di questa correlazione non è stata appurata.
 
Lo studio
. Partendo da questo presupposto Susanna C. Larsson, del Karolinska Institutet di Stoccolma e della Uppsala University di Uppsala, e da Hugh S. Markus, dell’Università di Cambridge. hanno indagato se i polimorfismi a singolo nucleotide (SNP), identificati in una metanalisi come significativamente associati all’insonnia, fossero legati a gravi malattie cardiovascolari, come coronaropatia, insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale e ictus ischemico.
 
Dopo la correzione per molteplici test, la responsabilità genetica per l’insonnia è risultata associata a un aumento dal 9 al 13% delle probabilità di coronaropatia, dall’11 al 19% di insufficienza cardiaca e dal 5 all’8% di ictus ischemico. Questi incrementi nei rischi erano tutti statisticamente significativi.
La correlazione tra responsabilità genetica per l’insonnia e ictus ischemico era più forte per l’ictus delle grandi arterie (odds ratio, 1,13; P=0,01) e più debole per l’ictus dei piccoli vasi (OR, 1,08; P=0,08) e per quello cardioembolico (OR, 1,06; P=0,08).


“Ciò potrebbe indicare che l’associazione tra insonnia e patologia cardiovascolare può, almeno in parte, essere indirizzata dall’aterosclerosi”, osserva Susanna Larsson.“I problemi del sonno possono aumentare il rischio di patologie cardiovascolari. Pertanto ridurre i problemi di sonno è importante non solo per il benessere generale ma anche per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

Fonte: Circulation 2019
 

Will Boggs
 

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
 

11 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy