Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 12 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vegetariani: cuore ok, ma rischio ictus maggiore

Un’alimentazione che esclude completamente carne e pesce ha il vantaggio di rendere molto basso il rischio di sviluppare cardiopatie, ma, allo stesso tempo, aumenta quello di avere un ictus ischemico. A questa conclusione è giunto uno studio dell’Università di Oxford, che ha seguito per 18 anni oltre 48 mila persone di mezza età

19 SET - (Reuters Health) – Un ampio studio condotto in UK indica che le persone che seguono diete vegetariane o vegane hanno minori probabilità di sviluppare cardiopatie, ma presentano maggiori possibilità di avere un ictus rispetto a chi mangia carne.
L’evidenza emerge da uno studio dell’Università di Oxford.
 
Lo studio
I ricercatori hanno seguito 48.188 adulti di mezza età senza alcun attacco cardiaco o ictus nell’anamnesi per circa 18 anni. Durante questo periodo, 2.820 hanno sviluppato una coronaropatia, 519 hanno avuto ictus ischemici e 300 persone ictus emorragici.
 
I vegetariani, inclusi i vegani, avevano il 22% in meno delle probabilità di sviluppare coronaropatia rispetto ai carnivori. Si tratta di 10 casi in meno su 1.000 persone in un decennio, hanno stimato i ricercatori.
 
Tuttavia, vegetariani e vegani presentavano il 20% in più delle probabilità di avere un ictus, soprattutto emorragico. In 10 anni ciò si traduce in circa tre ictus in più ogni 1.000 persone nei vegetariani rispetto ai carnivori.

 
“Sia chi mangiava pesce che i vegetariani avevano in media un BMI più basso e tassi inferiori di ipertensione, ipercolesterolemia e diabete rispetto a chi mangiava carne, il che potrebbe spiegare il rischio inferiore di cardiopatie sia in chi mangia pesce, sia nei vegetariani”, dice la leader dello studio Tammy Tong, epidemiologa nutrizionale presso l’Università di Oxford.
 
“Il motivo del rischio più elevato di ictus nei vegetariani è meno chiaro, ma alcune recenti evidenze suggeriscono che mentre bassi livelli di colesterolo sono protettivi contro cardiopatia e ictus ischemico, livelli di colesterolo molto bassi potrebbero essere legati a un maggior rischio di ictus emorragico, il sottotipo riscontrato di maggiormente nei vegetariani”, conclude Tong.
 
Il maggior rischio di ictus in vegetariani e vegani era pari al 43% in più delle probabilità di un ictus emorragico; non vi era alcuna differenza significativa nei tassi di ictus ischemico tra questo gruppo e chi mangiava carne.
Inoltre, non vi era alcuna differenza significativa nel rischio di attacchi cardiaci sulla base delle abitudini alimentari.
 
La metodologia
I ricercatori hanno valutato le abitudini alimentari con questionari all’inizio dello studio. Alcuni partecipanti hanno completato altri questionari circa 14 anni dopo.
 
Le persone che mangiavano carne, a prescindere che consumassero anche pesce, latticini o uova, sono state classificate come carnivore. All’inizio dello studio erano 24.428 e il 96% è rimasto carnivoro in base ai questionari alimentari di follow-up.
 
Altre 7.506 persone mangiavano pesce ma non carne all’inizio dello studio e il 57% di tali partecipanti che hanno completato il secondo questionario alimentare ha mantenuto le sue abitudini.
16.254 soggetti hanno iniziato come vegetariani o vegani, non mangiando carne o pesce, e il 73% hanno continuato ad astenersi sulla base dei questionari di follow-up.
 
Fonte: BMJ 2019
 
Lisa Rapaport
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

19 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy