Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 22 SETTEMBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ipertensione. Il rischio aumenta nei donatori di rene


I donatori di rene corrono un rischio di sviluppare ipertensione maggiore rispetto ai non donatori. Uno studio condotto negli Usa ha valutato questo rischio complessivo intorno al 19%. Lo studio, pur facendo luce su un fattore di rischio specifico, la velocità di filtrazione glomerulare, non è riuscito a individuare la causa.

24 SET - (Reuters Health) – Secondo i risultati dello studio in corso WHOLE-Donor, i donatori di rene presentano un maggior rischio di sviluppare ipertensione. La donazione di rene da vivente è da tempo legata a un rischio aumentato di malattia renale allo stadio terminale (ESKD), che nella maggior parte dei casi deriva dall’ipertensione. Non è ancora chiaro come l’ipertensione si sviluppi e progredisca nei donatori di rene viventi rispetto ai non donatori.
 
Lo studio. 
Dorry Segev e colleghi, della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, Maryland, ha valutato il rischio a lungo termine di ipertensione e l’associazione tra ipertensione incidente e la velocità del tasso stimato di filtrazione glomerulare (eGFR) in 1.295 donatori di rene viventi e in 8.233 non donatori sani. I dati sono stati estrapolati dalle coorti dell’Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) e del Coronary Artery Risk Development in Young Adults (CARDIA).

Al follow-up del quindicesimo anno, l’8% dei non donatori caucasici e il 9% di quelli afroamericani aveva sviluppato ipertensione, rispetto al 23% dei donatori di rene caucasici e al 42% dei donatori afroamericani. A prescindere dall’etnia, la donazione di rene è stata associata a un aumento del 19% del rischio di ipertensione (P=0,04).


Nel corso del tempo, l’eGFR è calato nei non donatori, a prescindere dall’etnia, e questa diminuzione è stata più forte nelle persone che hanno sviluppato ipertensione. Nei donatori, invece, l’eGFR è aumentato indipendentemente dall’etnia di appartenenza.

“Abbiamo individuato l’ipertensione incidente come un fattore di rischio nell’eGFR post-donazione che merita misure preventive aggressive e un’attenta gestione, poiché si associa all’arresto dell’aumento dell’eGFR in seguito alla donazione”, concludono i ricercatori.

“Anche se intuitivo, questo risultato rafforza la nostra comprensione della fisiologia dei reni dopo una donazione di rene da vivente. Serve un ulteriore lavoro per individuare le opportunità e le pratiche migliori per prevenire, riconoscere e gestire l’ipertensione nei donatori di rene viventi”.

Fonte: Clinical Journal of the American Society of Nephrology
 

Reuters Staff
 

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
 

24 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy