Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ipertiroidismo e ideazione suicidaria nei giovanissimi

I giovanissimi con ipertiroidismo sembrano presentare non solo una maggiore prevalenza di deficit di attenzione e iperattività, ma anche di disturbo dell'adattamento, di ansia, disturbo bipolare, depressione e, soprattutto, di pensiero del suicidio.

07 OTT - (Reuters Health) – “Nei casi di ansia, depressione o altri disturbi della salute mentale, i medici dovrebbero valutare la presenza di malattie della tiroide”, scrivono i ricercatori del Naval Medical Center di Portsmouth in Virginia nell’articolo che illustra il loro studio pubblicato online su Pediatrics. Lo studio rivela per la prima volta una forte associazione tra condizioni di salute mentale e ipertiroidismo nei bambini, prendendo in considerazione un campione di pazienti molto esteso. ”I risultati sono coerenti con le ricerche condotte negli adulti”, precisano gli autori.
 
Melissa Buryk e colleghi hanno determinato la prevalenza di ipertiroidismo e condizioni di salute mentale usando i dati del Military Health System Data Repository nella fascia di età compresa tra 10 e 18 anni. Hanno identificato 1.894 femmine e 585 maschi con una diagnosi di ipertiroidismo durante il periodo di studio (2008-2016).

Rispetto ai bambini senza ipertiroidismo, i rapporti di prevalenza di disturbi mentali nei bambini con ipertiroidismo variavano da 1,7 (ADHD) a 4,9 (disturbo bipolare), con tutti gli aumenti del rischio statisticamente significativi. “Sorprendentemente, l’ideazione suicidaria era quasi 5 volte più probabile nei pazienti con diagnosi di ipertiroidismo rispetto ai pazienti a cui non è mai stata diagnosticata questa patologia “, riportano gli autori. “Per ciascuno dei disturbi mentali esaminati, ad eccezione dell’ideazione suicidaria, la diagnosi è stata fatta prima della diagnosi di ipertiroidismo, soprattutto nei bambini con ADHD, che è stato diagnosticato nel 68,3% dei casi prima dell’ipertiroidismo“.


Da questa ricerca emergono due aspetti fondamentali che gli operatori sanitari dovrebbero tenere a mente. “Quando un bambino presenta sintomi di una condizione mentale, bisogna valutare la presenza di un problema medico come causa dei sintomi, in questo caso l’ipertiroidismo“, osserva Melissa Buryk.
 
“In secondo luogo, nei bambini con diagnosi di ipertiroidismo, rimane un’alta preponderanza di condizioni di salute mentale che non sembra essere correlata all’aumento dei livelli della tiroide”. Il disturbo di salute mentale permane anche mesi dopo l’inizio del trattamento per la tiroide. “Al momento ci sono solo indizi sui meccanismi alla base dell’associazione, saranno interessanti ulteriori ricerche in questo settore”, aggiungono Rebecca Schneider Aguirre e John S. Fuqua dell’Università dell’Indiana a Indianapolis nell’editoriale che accompagna la pubblicazione dell’articolo.

Fonte: Pediatrics 2019

Megan Brooks

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

07 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy