Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 21 FEBBRAIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Importanti diminuzioni del reddito associate a infarto e ictus

Uno studio condotto negli Stati Uniti su circa 9 mila individui seguiti mediamente per 17 anni, ha rilevato come la perdita di capacità finanziarie si associ a una maggiore frequenza di infarti, ictus e insufficienza cardiaca. Di contro, un miglioramento dello status economico riduce del 14% il rischio di queste patologie

18 OTT - (Reuters Health) – Sperimentare un calo sostanziale del reddito può aumentare il rischio di infarto o di ictus a distanza di anni. E’ quanto emerge da uno studio USA pubblicato online da JAMA Cardiology. I ricercatori – guidati da Stephen Wang, del Brigham and Women’s Hospital and Harvard Medical School di Boston – hanno valutato lo stato di salute e le variazioni di reddito di 8.989 adulti.
 
All’inizio dello studio l’età media dei partecipanti era di 53 anni. Nei 6 anni successivi, il reddito della maggior parte delle persone è rimasto stabile, il 10%, però, ha visto il suo reddito diminuire di oltre la metà, il 20% invece ha avuto un aumento delle entrate di almeno il 50%.
 
All’inizio dello studio nessuno dei partecipanti aveva una storia di infarto, ictus o insufficienza cardiaca. Dopo un follow-up medio di 17 anni, le persone che avevano subito un’enorme riduzione della retribuzione presentavano il 17% di probabilità in più di avere un infarto, ictus o insufficienza cardiaca rispetto ai partecipanti con reddito costante o in aumento.

 
“L’aumento del rischio potrebbe essere dovuto a una risposta biologica allo stress oltre alle difficoltà finanziarie”, osserva Edward Havranek, autore di un editoriale che accompagna lo studio e direttore di Medicina presso il Denver Health Medical Center in Colorado.
 
“Lo stress cronico aumenta la pressione sanguigna e probabilmente causa un’infiammazione che colpisce i vasi sanguigni. Credo che invece gli effetti sociali ed economici siano più importanti”, precisa Havranek. “Un improvviso calo del reddito rende probabilmente più difficile permettersi l’assistenza sanitaria e costringe le persone a prestare attenzione ai soldi piuttosto che a prendersi cura di se stessi”.

Bisogna poi considerare che la diminuzione del reddito non è necessariamente associata alla perdita del lavoro. “La perdita di un coniuge a causa di morte o divorzio può causare un forte calo del reddito; queste cose ovviamente hanno un effetto su di noi”, conclude Havranek.

Nel range di coloro che hanno subito un decremento delle entrate, Il reddito medio familiare è sceso da 40.516 a 14.655 dollari. Per gli individui con reddito costante, il reddito medio delle famiglie è leggermente diminuito da 43.897 a  43.057 dollari.E per coloro le cui fortune sono migliorate notevolmente, il reddito familiare medio è salito da 26,099 a 53,347 dollari.

Queste persone inoltre, avevano il 14% in meno di probabilità di avere un infarto, ictus o insufficienza cardiaca rispetto alle loro controparti con guadagni costanti.

Fonte: JAMA Cardiol 2019

Lisa Rapaport

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

18 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy