Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 29 GENNNAIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

L’esposizione all’inquinamento atmosferico nell’utero è fattore di rischio per il diabete

Secondo uno studio condotto in Messico, i bambini esposti ad alti livelli di Pm2,5 avrebbero poi livelli più alti di zucchero nel sangue durante l’infanzia. Non è ancora chiaro come questo avvenga e come si possa prevenire. A livello di microcomportamenti, una dieta sana, un peso corretto e una costante attività fisica minimizzano i rischi

10 GEN - (Reuters Health) – I bambini che sono esposti all'inquinamento atmosferico nell'utero possono presentare livelli di zucchero nel sangue più elevati durante l'infanzia rispetto ai cotanei non esposti. È quanto emerge da uno studio condotto in Messico e pubblicato da JAMA. I ricercatori si sono concentrati sul cosiddetto Pm2,5, una miscela di particelle solide e goccioline liquide di diametro inferiore a 2,5 micrometri che può includere polvere, sporco, fuliggine e fumo.
 
Questo tipo di inquinamento atmosferico, noto anche come particolato fine, è già risultato collegato al danno polmonare e a un aumentato rischio di malattie cardiache, ictus e diabete. Il nuovo studio ha incluso 365 bambini di Città del Messico che sono stati esposti a livelli medi giornalieri di Pm2,5 di 22,4 microgrammi per metro cubo di aria (mcg/m3) mentre erano nell'utero, molto al di sopra del limite di 12 mcg fissato dagli enti regolatori messicani.
 
I ricercatori – guidati da Emily Oken della Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston - hanno anche misurato per circa tre mesi i livelli di emoglobina A1c (HbA1c) dei bambini, che riflettono i livelli medi di zucchero nel sangue. Letture HbA1c superiori al 6,5% segnalano il diabete.

 
I risultati
I livelli medi di esposizione dei bambini al Pm2,5 nell'utero sono stati associati ad aumenti annui dello 0,25% nei livelli di HbA1c tra i 5 e i 7 anni. Non è chiaro se o come l'esposizione all'inquinamento atmosferico prenatale possa influire direttamente sui livelli di zucchero nel sangue dei bambini. Ma ci sono diverse possibili spiegazioni, come ricorda Emily Oken: "La prima è che l'inquinamento atmosferico causi una grande quantità di infiammazione e sappiamo che altre esposizioni infiammatorie possono influenzare lo sviluppo e la funzione degli organi (come cervello, pancreas, fegato, muscoli e grasso - tutti elementi che partecipano alla regolazione della glicemia) che hanno effetti a lungo termine”.
 
“In alternativa – continua Oken - l'inquinamento atmosferico potrebbe influenzare la regolazione epigenetica, il segnale che dice al corpo quali geni accendere e spegnere e quali proteine produrre".
 
I ricercatori non disponevano di dati su ciò che mangiavano madri e bambini, il che può avere un profondo impatto sui livelli di zucchero nel sangue. Mancavano anche informazioni sulla storia di diabete a livello personale e familiare delle madri e non si sa se i bambini abbiano continuato a sviluppare il diabete anche in età adulta.
 
"Anche se non sappiamo con certezza gli interventi per minimizzare i rischi, è ragionevole supporre che una dieta sana e una regolare attività fisica, oltre al mantenimento di un peso corretto possano probabilmente ridurre al minimo i rischi", conclude Oken.
 
Fonte: Jama Network Open
 
Lisa Rapaport
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

10 gennaio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy