Quotidiano on line
di informazione sanitaria
12 LUGLIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Disturbo bipolare. La terapia familiare ritarda le crisi

di Marilynn Larkin

In uno studio randomizzato la terapia familiare si è dimostrata in grado di ritardare la comparsa di disturbi dell’umore nei giovani ad alto rischio di bipolarismo. Questa terapia prevede formazione sugli interventi e sulla capacità di risolvere i problemi legati alla patologia

23 GEN - (Reuters Health) – La terapia familiare può ritardare la comparsa di disturbi dell’umore nei giovani ad alto rischio di bipolarismo, come rivela uno studio randomizzato pubblicato da JAMA Psychiatry.
 
“Il disturbo bipolare è associato a problemi significativi nella vita quotidiana, ad esempio se un bambino finisce la scuola o no – ha detto David Miklowitz dell’Università della California di Los Angeles, autore principale dello studio – Sorprendere la malattia precocemente, insegnando ai bambini e alle famiglie come affrontare gli sbalzi d’umore e comunicando in modo più efficace, può contribuire, nel tempo, a un risultato migliore. Quello che facciamo con la terapia familiare è formare bambini, adolescenti e i loro genitori a riconoscere i primi segnali di allarme di un disturbo in arrivo e a intervenire per evitare che si verifichi un episodio completo, per esempio cambiando le loro medicine, adottando cicli di sonno-veglia più regolari, usando capacità comunicative per ridurre lo stress nei conflitti familiari”.

Lo studio
Lo studio clinico randomizzato multisito ha incluso giovani con disturbo depressivo maggiore o disturbo bipolare non specificato, sintomi dell’umore attivi e almeno un parente di primo o secondo grado con disturbo bipolare I o II. Giovani e genitori sono stati assegnati in modo casuale alla terapia familiare 12 sessioni in quattro mesi di psico-educazione, formazione sulla comunicazione e formazione sulle capacità di risoluzione dei problemi) o cure potenziate (sei sessioni in quattro mesi di famiglia e psico-educazione individuale). La terapia farmacologica era consentita in entrambi i gruppi.

 
Come riportato da Jama Psychiatry, 127 giovani (età media, 13,2 anni; il 64,6% erano donne) sono stati seguiti ogni 4-6 mesi per una mediana di 98 settimane. Non sono state rilevate differenze tra i gruppi nel tempo al recupero da sintomi di pretrattamento. I giovani ad alto rischio nel gruppo della terapia familiare hanno avuto intervalli più lunghi dal recupero all’emergenza del successivo disturbo (hazard ratio, 0,55) e dalla randomizzazione al successivo episodio (HR, 0,59) rispetto a quelli in terapia intensiva.

Sebbene la terapia familiare sia stata associata a intervalli più lunghi tra i disturbi depressivi (HR, 0,53), non differiva dalla cura avanzata a episodi maniacali o ipomaniaci, dalle conversioni al disturbo bipolare o dalle traiettorie dei sintomi.

Il team sta inoltre utilizzando la risonanza magnetica funzionale per vedere se la terapia familiare è associata a cambiamenti dell’attività cerebrale e se l’intervento è associato a riduzioni di pensieri e comportamenti suicidari nei bambini ad alto rischio di disturbo bipolare.

Fonte: JAMA Psychiatry
 
Marilynn Larkin
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

23 gennaio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy