Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 DICEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Schizofrenia. La “firma” della metilazione del Dna sulla patologia


A questa conclusione è giunta una ricerca condotta su oltre 7.400 persone, con e senza la patologia. Secondo i ricercatori, i risultati aiutano a caratterizzare l'associazione a livello di sistema tra rischio genetico, epigenetico e ambientale per la schizofrenia.

25 FEB - (Reuters Health) – I dati sulla metilazione del DNA nel sangue dell’intero genoma hanno contribuito a generare una firma specifica per la schizofrenia. È quanto emerge da uno studio tedesco pubblicato da JAMA Psychiatry. Ricerche precedenti avevano trovato solo collegamenti deboli tra le differenze di metilazione nei singoli geni e la schizofrenia, secondo Emanuel Schwarz dell’Università di Heidelberg e colleghi, autori dello studio.

Lo studio
Il team tedesco ha analizzato i dati di metilazione del DNA provenienti da oltre 2.200 campioni di sangue intero; il 56% proveniva da controlli sani e il 36% da persone con schizofrenia. Il resto arrivava da persone con disturbo depressivo maggiore, autismo o disturbo bipolare, nonché da parenti di primo grado di tutti i gruppi di pazienti.

Sono stati inoltre ottenuti dati sulla metilazione del DNA da 244 campioni post mortem di tessuto corticale prefrontale dorsolaterale (Dlpfc) da persone con schizofrenia e controlli sani. I ricercatori hanno quindi utilizzato l’apprendimento automatico per identificare una firma epigenetica, che è stata quantificata come punteggio di polimetilazione (Pms).


Ulteriori dati di neuroimaging e di associazione su tutto il genoma da controlli sani sono stati usati per calcolare un punteggio di rischio poligenico (Prs) per la schizofrenia. Il team ha quindi esaminato i dati relativi a oltre 7.400 partecipanti, di cui 3.158 con diagnosi di schizofrenia. La firma del punteggio di polimetilazione è stata significativamente associata alla schizofrenia attraverso tre serie di dati indipendenti e dati provenienti da campioni Dlpfc post mortem, ma non con disturbo depressivo maggiore, autismo o disturbo bipolare.

Le conclusioni
Gli esperti hanno avvertito che l’associazione dei farmaci con il punteggio di polimetilazione non può essere esclusa. Tuttavia, l’associazione tra il punteggio di polimetilazione e la connettività Dlpfc-Hc nei soggetti di controllo che non stavano assumendo farmaci “contraddice l’idea che la firma di metilazione identificata sia una conseguenza dei farmaci”.

I risultati “aiutano a caratterizzare l’associazione a livello di sistema tra rischio genetico, epigenetico e ambientale per la schizofrenia. Supportano ulteriormente l’uso della sindrome premestruale per strategie di scoperta di biomarcatori multimodali volte alla stratificazione della malattia e allo sviluppo di nuovi approcci terapeutici personalizzati”

Fonte: JAMA Psychiatry
 
Reuters Staff
 
(Versione italiana per Daily Health Industry)

25 febbraio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy