Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 30 SETTEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Lombardia, Fontana: “La popolazione sta reagendo in modo composto, serio e civile e siamo riconoscenti per questo”

di Michela Perrone

"Ora non ci resta che aspettare che passino quei 4-5 giorni indicati dai virologi come fondamentali per capire gli esiti delle ordinanze", ha detto oggi il presidente della Regione commentando gli ultimi dati sui contagi nella Regione.

25 FEB - Sono passati cinque giorni da quando, giovedì sera, è stato dichiarato positivo al coronavirus il primo cittadino lombardo. Oltre 100 ore dopo, la situazione è stata definita “stabile” dal presidente della regione Attilio Fontana, che ha ricordato come siano ormai “entrati pienamente in vigore i provvedimenti che abbiamo assunto. Ora non ci resta che aspettare che passino quei 4-5 giorni indicati dai virologi come fondamentali per capire gli esiti delle ordinanze. La popolazione sta reagendo in modo composto, serio e civile e siamo riconoscenti per questo”.
 
Alle 18 del 25 febbraio sono 240 i contagiati in Lombardia, su 1.750 tamponi analizzati (3.500 quelli effettuati). Per i decessi occorre invece attendere la verifica dell’Istituto superiore di sanità, per capire quali siano avvenuti a causa del contagio e in quali invece il coronavirus sia stato una concausa o un elemento che non ha peggiorato un quadro clinico già compromesso.
 
Pietro Foroni, assessore al Territorio e alla Protezione civile, ha evidenziato come siano “un centinaio i volontari attivi nella zona rossa del lodigiano. Abbiamo istituito un Centro di coordinamento soccorsi presso la Prefettura di Lodi, dove abbiamo mandato personale della nostra sala operativa. A Codogno c’è un Centro operativo misto e in ogni paese interessato un Centro operativo comunale”.
 
Una ventina di volontari sono inoltre stati formati per rispondere  al numero verde regionale 800.494545, che deve gestire tra le 250.000 e le 300.000 chiamate al giorno.
Nelle prossime ore saranno disponibili i primi posti individuati per l’isolamento non domiciliare: 59 in zona Linate, 50 all’ospedale militare di Baggio, una quarantina a Piacenza.
 
Per quanto riguarda i laboratori, che sono in grado di processare 50 tamponi all’ora, a quelli del Sacco, della Statale e di Pavia si uniscono altre sei strutture: a Milano Niguarda e Policlinico, poi Monza, Brescia, Bergamo e Melegnano.
 
Sui posti in terapia intensiva, l’assessore al Welfare Giulio Gallera ha ribadito che “la regione ha a disposizione 900 posti tra pubblico e privato, di cui 104 liberi e un centinaio di approntabili, a fronte di 21 persone attualmente ricoverate in terapia intensiva per coronavirus”.
 
Michela Perrone
 

25 febbraio 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy