Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro. Confermata azione preventiva del pomodoro. Meglio se biologico

Le piante di pomodoro prodotte biologicamente sono più ricche di minerali, calcio, potassio, fosforo e zinco. Ma quel che più colpisce, della più recente ricerca italiana del Cnr su questo alimento, è la loro azione anti-estrogenica, utile per contrastare la crescita di alcuni tipi di cancro.

06 APR - Li chiamano ‘cibi funzionali’, sono gli alimenti che secondo la comunità accademica se consumati regolarmente riducono il rischio di malattie cardiovascolari e tumori. Il pomodoro – non c’è ombra di dubbio – è uno di questi. Ma se i pomodori che mangiamo sono anche coltivati biologicamente, funzionano ancora meglio: instaurano insieme ai loro microfunghi una benefica associazione radicale permanente, paragonabile dal punto di vista funzionale al nostro microbioma intestinale, che influenza positivamente le sostanze minerali in esso contenute e potrebbe essere utile per prevenire i tumori. A dirlo è uno studio condotto da un team multidisciplinare dell'Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibba-Cnr) e dell'Università di Pisa, pubblicato su British Journal of Nutrition. 
 
La simbiosi influenzerebbe infatti positivamente la crescita e il contenuto delle piante di pomodoro e ne aumenterebbe il valore nutrizionale e nutraceutico, vale a dire le proprietà positive per l’organismo. "I frutti prodotti da piante micorrizate contengono concentrazioni più elevate di calcio (15%), potassio (11%), fosforo (60%) e zinco (28%) e le modificazioni del metabolismo secondario del pomodoro producono aumenti del 18,5% del livello di licopene”, ha spiegato Cristiana Sbrana dell'Ibba-Cnr.

"I frutti di pomodoro sono una riserva naturale di molecole come acido ascorbico, vitamina E, flavonoidi, composti fenolici e carotenoidi, tra cui il licopene che, oltre a esercitare una forte attività antiossidante, può modulare le vie metaboliche ormonali e del sistema immunitario", ha aggiunto Manuela Giovannetti dell'Università di Pisa, che ha coordinato il lavoro. "Il valore nutrizionale e nutraceutico del pomodoro però è molto influenzato dalle condizioni di coltivazione, in quanto il contenuto di fitochimici può aumentare se la pianta cresce unitamente ai suoi simbionti naturali: microfunghi benefici che vivono nelle radici, assorbono nutrienti dal suolo e li trasportano alle cellule vegetali, appartenenti al gruppo dei Glomeromycota".

“I risultati dello studio – ha commentato Sbrana scendendo più nello specifico – evidenziano che gli estratti di pomodoro provenienti da piante micorrizate, che non avevano effetti genotossici, mostrano un alto potere anti-estrogenico dei frutti, con una forte inibizione del recettore E2 umano". Recentemente i polifenoli e il licopene sono infatti stati proposti "come agenti farmacologici promettenti nella prevenzione del cancro a causa dei loro effetti antiproliferativi e della loro azione inibitoria sui recettori degli estrogeni umani", ha spiegato Giovannetti. "In particolare, i composti antiestrogenici possono agire come antagonisti dei processi estrogeno-dipendenti nei tessuti target, contrastando la crescita dei tipi di cancro estrogeno-correlati. I risultati dello studio suggeriscono che l'assunzione di cibi funzionali, come i pomodori coltivati con i loro simbionti naturali, potrebbe agire positivamente nei confronti degli effetti esercitati da molti contaminanti ambientali e industriali a cui gli esseri umani sono esposti attraverso la catena alimentare".

06 aprile 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy