Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 04 GIUGNO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Coronavirus e vaccinazioni. “Essenziale mantenere gli appuntamenti vaccinali”. Dall’Oms Europa le raccomandazione da seguire e i principi guida per l’organizzazione dei servizi


Davanti al rischio di una possibile riduzione generale delle normali attività vaccinali a causa delle misure intraprese per arginare la pandemia che potrebbero portare alcune persone a decidere di rimandare le vaccinazioni programmate per se stessi o per i propri figli, arriva dall’Oms un documento pubblicato sul sito Epicentro dell’Iss IL DOCUMENTO

08 APR - Essenziale mantenere gli appuntamenti vaccinali, soprattutto per le vaccinazioni di routine, fino a quando le misure di risposta alla Covid -19 lo consentano. Qualsiasi decisione inerente le possibili opzioni di funzionamento dei servizi vaccinali deve essere presa valutando in maniera dettagliata: l’epidemiologia delle malattie prevenibili da vaccino (vaccine preventable diseases) (Vpd), lo scenario di trasmissione della Covid -19, le corrispondenti misure di mitigazione in atto e le risorse disponibili.

Queste le raccomandazioni dell’Ufficio Regionale europeo dell’Oms ulteriormente ribadite in un secondo documento dell’Oms “Guiding principles for immunization activities during the Covid-19 pandemic”, stilato nei giorni scorsi e pubblicato da Epicentro dell'Iss, in cui si sottolinea che l’elevato potenziale di epidemie di malattie prevenibili da vaccino rende indispensabile per i Paesi mantenere la continuità dei servizi vaccinali ovunque tali servizi possano essere condotti in condizioni di sicurezza.

Questa l’input che arriva dal documento dell’Oms Europa, “Guidance on routine immunization services during Covid-19 pandemic in the Who European Region” stilato nei giorni scorsi e pubblicato sul sito di Epicentro dell’Iss in cui si sottolinea che “l’elevato potenziale di epidemie di malattie prevenibili da vaccino rende indispensabile per i Paesi mantenere la continuità dei servizi vaccinali ovunque tali servizi possano essere condotti in condizioni di sicurezza”.

 
Il documento voluto per fornire un supporto ai Paesi nella decisione di mantenere o meno le normali attività vaccinali nel periodo pandemico, indicare quindi quali sono i fattori che ogni Paese deve considerare per effettuare una valutazione del rischio, fornire dei principi guida da seguire e indicazioni su come effettuare le vaccinazioni in sicurezza.

A causa della pandemia di Covid -19 (causata dal nuovo virus Sars-CoV-2) nei Paesi della Regione europea dell’Oms, evidenzia l’Iss, esiste infatti il rischio che si possa verificare una riduzione generale delle normali attività vaccinali, sia per lo spostamento di risorse sanitarie verso le attività di controllo della pandemia, sia per le misure di distanziamento sociale imposte alla popolazione, che potrebbero portare alcune persone a decidere di rimandare le vaccinazioni programmate per se stessi o per i propri figli.
 
Le vaccinazioni, si sottolinea, sono una componente fondamentale dei servizi sanitari e una loro interruzione, anche se per un breve periodo, porterebbe a un accumulo di persone suscettibili e a un maggiore rischio di epidemie di malattie prevenibili da vaccino (Vpd) che possono causare decessi e portare una aumentata richiesta di risorse sanitarie. È fondamentale pertanto ridurre al minimo questo rischio, soprattutto in un sistema già provato dalla risposta all’epidemia di Covid -19.

In particolare, indica l’Oms Europa, è necessario valutare i seguenti punti:
Il rischio epidemiologico di Vpd nella popolazione generale e nei diversi gruppi a rischio (Qual è il rischio potenziale di un aumento di casi di Vpd? Esaminare i dati di copertura vaccinale e di sorveglianza delle Vpd, incluse le caratteristiche dei focolai di morbillo in corso; dare particolare attenzione alle malattie che spesso risultano in focolai epidemici, come ad esempio il morbillo, e a fermare qualsiasi rallentamento osservato nel raggiungimento degli obiettivi di eliminazione del morbillo o dell’eradicazione della poliomielite).
 
La situazione epidemiologica della Covid-19 e le relative misure di mitigazione in atto (Qual è lo scenario di trasmissione della Covid -19? Considerare se non ci sono casi, casi sporadici, cluster di casi o trasmissione comunitaria. In linea con il piano strategico dell’Oms tutti i Paesi dovrebbero essere pronti a rispondere a ogni possibile scenario di trasmissione. La necessità di deviare le risorse per ridurre l’impatto di Covid-19 sul sistema sanitario deve essere valutata rispetto al rischio di aumento della morbilità e della mortalità dei Vpd derivanti da qualsiasi modifica ai servizi di immunizzazione e dal potenziale onere aggiuntivo sul sistema sanitario che questo può causare).
 
Il sistema sanitario, le caratteristiche e le debolezze dei servizi vaccinali (Qual è lo stato dell’arte? I sistemi sanitari dei paesi della regione europea hanno diverse caratteristiche e quadri legislativi di immunizzazione. Bisogna quindi considerare i servizi di erogazione di assistenza sanitaria necessari per gestire gli scenari di trasmissione del virus nel proprio paese, la potenziale necessità e le opzioni legali per convertire il programma di immunizzazione del personale al fine di contribuire a gestire la situazione Covis-19)
 
La disponibilità di vaccini e la capacità logistica (I vaccini sono disponibili in quantità sufficienti? La disponibilità di vaccini di routine e la valutazione della fornitura di vaccini e la capacità di procurarli nell’attuale contesto dovrebbero essere valutate nell’ambito delle linee guida nazionali per la vaccinazione e nell’ambito della gestione della logistica. Nel valutare l’offerta di vaccini e la logistica, è necessario tenere in debito conto la domanda di vaccini, se tutte le dosi programmate nel programma nazionale di immunizzazione possano essere completate nel contesto attuale o se una politica di “stop-start” debba essere adottata, con la popolazione target che riceve le dosi di vaccino richieste ad intervalli irregolari per un periodo di tempo più lungo
 
L’impatto e l’adeguatezza delle opzioni scelte, evidenzia ancora l’Oms Europa “dovrebbero essere monitorati e valutati periodicamente con l’evoluzione della situazione relativa alla pandemia da Covid-19. L’attuale situazione e le capacità del sistema sanitario variano ampiamente all’interno della Regione europea e tutto è in rapida evoluzione. Pertanto, il miglior approccio per mantenere elevati i livelli di copertura vaccinale non potrà essere sempre lo stesso nei diversi Paesi. Tutti devono però fare ogni possibile sforzo per mantenere elevati i livelli di immunità nella popolazione. Considerando che potrebbero esserci delle interruzioni, è fondamentale tenere fin d’ora un elenco dei bambini che hanno saltato dosi di vaccino e sviluppare un piano d’azione ad hoc per il recupero successivo delle dosi non ricevute”.

I principi chiave per i servizi vaccinali
Nel documento, l’Oms delinea i principi guida per l’organizzazione dei servizi vaccinali, da seguire durante la pandemia COVID-19:
• Durante gli appuntamenti vaccinali, osservare le misure di prevenzione delle infezioni da virus Sars-CoV-2, indicate dalle linee guida esistenti (nazionali se disponibili). Il documento guida Oms include un’appendice con alcune considerazioni programmatiche rilevanti per limitare il rischio di trasmissione del virus durante la vaccinazione.
 
• Dare la priorità al ciclo primario delle vaccinazioni, in particolare al vaccino contro morbillo-parotite-rosolia (Mpr), ai vaccini contro la poliomielite e agli altri vaccini combinati.
 
• Evitare le campagne di vaccinazione di massa fino a quando la situazione Covid-19 non si risolve.
 
• Vaccinare i neonati (secondo il calendario vaccinale nazionale) direttamente nei reparti di maternità.
 
• Per i vaccini contro lo pneumococco e (nella stagione invernale) quelli anti-influenzali, dare priorità ai gruppi a rischio.
 
• Ritardare l’introduzione di qualsiasi nuovo vaccino/i nel calendario nazionale di vaccinazione.
 
• Comunicare chiaramente alla comunità e agli operatori sanitari il razionale per cui le vaccinazioni sono incluse tra i servizi sanitari prioritari durante la pandemia e i rischi derivanti dalle malattie prevenibili da vaccino e i benefici della vaccinazione.
 
Infine, le caratteristiche epidemiologiche, operative e contestuali di ciascun Paese sono uniche e sarebbe impossibile stabilire una strategia adeguata per tutte le situazioni. L’Oms Europa fornisce quindi un algoritmo per aiutare le autorità nazionali a prendere decisioni relative al mantenere in funzione i servizi vaccinali. Si sottolinea inoltre l’importanza di mantenere e rinforzare la sorveglianza delle malattie prevenibili da vaccino, per identificare precocemente e gestire i casi di malattie prevenibili da vaccino.

08 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy