Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 LUGLIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Ema torna a rimarcare i rischi del ricorso a clorochina e idrossiclorochina


L'Agenzia europea torna a sottolineare come diversi studi osservazionali sul Covid-19 abbiano riportato che la clorochina e l'idrossiclorochina "sono associate ad un aumentato rischio di problemi cardiaci, un noto effetto collaterale di tali trattamenti, tra cui aritmie cardiache e arresto cardiaco". Ma non solo, questi farmaci "possono causare disturbi neuropsichiatrici". Se ne consiglia dunque l'uso per il Covid-19 sono in programmi nazionali di emergenza su paziento ospedalizzati sotto stretto controllo.

03 GIU - L'Ema ha nuovamente ricordato agli operatori sanitari di monitorare da vicino i pazienti con Covid-19 che stanno ricevendo clorochina o idrossiclorochina, dati i gravi effetti collaterali che possono derivare dal trattamento con questi medicinali. Sia la clorochina che l'idrossiclorochina, che sono autorizzate per la malaria e alcune malattie autoimmuni, sono state utilizzate per trattare i pazienti con Covid-19 "ma i loro effetti benefici in questa popolazione di pazienti non sono stati stabiliti".
 
L'Agenzia europea in una nota sottolinea come diversi studi osservazionali sul Covid-19 abbiano riportato che la clorochina e l'idrossiclorochina "sono associate ad un aumentato rischio di problemi cardiaci, un noto effetto collaterale di tali trattamenti, tra cui aritmie cardiache e arresto cardiaco".
 
"Quando prescrivono questi medicinali, gli operatori sanitari devono tenere conto delle preesistenti patologie cardiache, degli squilibri di potassio o magnesio non corretti e dell'uso concomitante di medicinali che prolungano l'intervallo QT poiché questi fattori possono rendere i pazienti più inclini a disturbi del ritmo cardiaco. Gli operatori sanitari dovrebbero anche notare che i disturbi del ritmo cardiaco possono essere più probabili o essere più gravi se la clorochina o l'idrossiclorochina vengono utilizzate a dosi più elevate di quelle raccomandate per le loro indicazioni autorizzate o se sono combinate con alcuni antibiotici come l'azitromicina", spiega l'Ema.

 
Non solo rischi cardiaci, questi farmaci - sottolinea l'Ente regolatorio europeo - possono "causare disturbi neuropsichiatrici, tra cui agitazione, insonnia, confusione, psicosi e istinto suicida. È noto che questi medicinali influenzano il fegato, causano danni neuronali che possono portare a convulsioni (attacchi) e abbassamento della glicemia".
 
Alla luce dei dati emergenti, alcuni paesi dell'UE hanno sospeso o interrotto studi clinici per indagare gli effetti della clorochina e idrossiclorochina in pazienti affetti da Covid-19. Per alcuni studi, incluso il grande studio multinazionale di solidarietà dell'Oms, è stata sospesa l'arruolamento dei pazienti. Una revisione preliminare dello studio di recupero, un ampio studio in corso su pazienti Covid-19, non ha identificato motivi per sospendere o interrompere lo studio.
 
L'Ema ha inoltre ribadito che mentre sono in corso ulteriori analisi dei dati disponibili, la clorochina e l'idrossiclorochina dovrebbero essere utilizzate "solo negli studi clinici per il trattamento o la profilassi della Covid-19 o nei programmi nazionali di emergenza in pazienti ospedalizzati sotto stretto controllo. È importante che studi clinici randomizzati e progettati correttamente possano essere completati, con le modifiche necessarie, per generare le prove necessarie sui benefici e sui rischi di questi medicinali sul Covid-19".
 
In ogni caso si rimarca che i pazienti a cui è stata prescritta la clorochina o l'idrossiclorochina per indicazioni autorizzate (malaria e alcune malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide e il lupus) devono continuare ad assumere i loro medicinali - sottolinea l'Ema - come consigliato dal proprio medico. I pazienti che hanno qualsiasi domanda sul loro trattamento devono contattare il proprio medico o farmacista.

03 giugno 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy