Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 21 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Angina stabile. Angiografia coronarica con TC più accurata dell’Ecg sotto sforzo

di Will Boggs

L’angiografia coronarica con TC (CTCA) è più accurata dell’Ecg sotto sforzo per rilevare una malattia delle arterie coronarie e predire il rischio futuro in pazienti con sospetta angina stabile. È quanto emerge dallo studio Scot-Heart, che valutato oltre 3 mila pazienti ed è stato condotto dall’Università di Edimburgo

12 GIU - (Reuters Health) – Secondo un’analisi post hoc dello studio SCOT-HEART, l’angiografia coronarica con TC (CTCA) è più accurata dell’ECG sotto sforzo per rilevare una malattia delle arterie coronarie (CAD) e predire il rischio futuro in pazienti con sospetta angina stabile.
 
Nello studio SCOTT-HEART, l’aggiunta di CTCA all’ECG sotto sforzo si è associata a una riduzione del 41% nei decessi per cause cardiovascolari e negli infarti del miocardio non fatali dopo cinque anni.

Lo studio
Tricia Singh e colleghi dell’Università di Edimburgo e hanno valutato i benefici diagnostici, terapeutici e prognostici associati all’ECG sotto sforzo da solo o combinato con CTCA in 3.283 pazienti con sospetta angina dovuta a malattia delle arterie coronarie. Due terzi degli ECG sotto sforzo erano normali, il 16% ha prodotto risultati anormali e il 17% risultati inconcludenti.
 
Tra coloro con risultati dell’ECG sotto sforzo normali, più della metà ha presentato CAD ostruttiva (15%) o non ostruttiva (41%) alla CTCA. Il 39% dei pazienti con CAD ostruttiva alla CTCA, invece, aveva un ECG sotto sforzo nella norma.

Tra i pazienti sottoposti ad angiografia coronarica invasiva, la malattia ostruttiva è stata identificata più frequentemente nei soggetti con risultati anomali dell’ECG sotto sforzo. Tuttavia, coloro che hanno ottenuto risultati normali o inconcludenti all’ECG sotto sforzo avevano maggiori probabilità di avere una CAD ostruttiva rilevata nel gruppo della CTCA che in quello sottoposto solo all’ECG sotto sforzo.

I tassi di inizio e interruzione della terapia preventiva e rinvio a uno specialista per l’esecuzione di un’angiografia coronarica invasiva erano più elevati tra i pazienti sottoposti a CTCA rispetto a quelli sottoposti solo a ECG sotto sforzo, in particolare tra coloro con risultati inconcludenti o normali all’ECG sotto sforzo.

Risultati anomali dell’ECG sotto sforzo si associavano a un rischio di 14,47 volte superiore di rivascolarizzazione coronarica a un anno e di 2,57 volte superiore di morire per malattia delle arterie coronarie o di avere un infarto del miocardio non fatale a cinque anni (per entrambi, valore di P<0,001).

Tuttavia, rispetto al solo ECG sotto sforzo, i risultati della CTCA presentavano un’associazione più forte con il decesso per malattia delle arterie coronarie o un infarto del miocardio non fatale a cinque anni (rischio aumentato di 10,63 volte, P=0,002).

Fonte: JAMA Cardiology
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

12 giugno 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy