Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 LUGLIO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Melanoma. Meno colite indotta da farmaci con la vitamina D

di Lisa Rapaport

Uno studio del Dana Faber Institute di Boston ha messo in evidenza come l’assunzione di integratori di vitamina D possa limitare la possibilità di una colite indotta da farmaci nei pazienti con melanoma trattati con inibitori dei checkpoint immunitari.

26 GIU - (Reuters Health) – I pazienti con melanoma trattati con inibitori dei checkpoint immunitari hanno minori probabilità di sviluppare colite indotta dai farmaci quando assumono anche integratori di vitamina D.

I ricercatori del Gastrointestinal Cancer Center del Dana Faber Institute di Boston – guidati da Osama Rahma – hanno condotto un’analisi retrospettiva dei dati su una coorte di 213 pazienti con melanoma trattati con inibitori dei checkpoint immunitari (ICI) presso il Dana Faber Cancer Institute tra maggio 2011 e ottobre 2017.

Nel complesso, 37 pazienti (il 17%) hanno sviluppato colite indotta dal trattamento. 66 pazienti (31%) assumevano vitamina D prima di iniziare il trattamento con ICI e mostravano minori probabilità (OR 0,35%) di sviluppare una colite indotta da questi farmaci.

“I nostri risultati, se validati prospetticamente in studi clinici, potrebbero cambiare la pratica poiché gli oncologi dovrebbero considerare l’uso della vitamina D nei pazienti oncologici ad alto rischio di sviluppare colite quando iniziano ad assumere immunoterapie”, osserva Rahma.


L’apporto di vitamina D è stato diviso in tre categorie di dosaggi: nessun uso, ≤1000 UI e >1000 UI al giorno. I ricercatori hanno validato i loro risultati in un altro gruppo di 169 pazienti, di cui 49 (29%) hanno sviluppato colite indotta da ICI. L’integrazione di vitamina D era associata anche a un rischio inferiore in questo gruppo di validazione (OR 0,46).

“Se il livello più elevato di vitamina D si correla a un rischio inferiore di colite progettiamo di proporre uno studio clinico che testi l’associazione di immunoterapia e vitamina D o placebo in pazienti oncologi con l’obiettivo primario di prevenire la colite immuno-indotta”, conclude Rahma.

Fonte: Cancer
 
Lisa Rapaport
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

26 giugno 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy