Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 15 AGOSTO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Fumo e Covid 19. I fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto, ma hanno maggiori probabilità di malattie gravi


È quanto emerso da una meta-analisi pubblicata su “Therapeutic Advances in Chronic Disease” che ha coinvolto un totale di 11.104 pazienti ricoverati in ospedale, di cui 961 fumatori. Dai ricercatori un invito ad esaminare la nicotina come potenziale opzione terapeutica per Covid-19

07 LUG - Il numero di fumatori affetto da Covid-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. Ma i pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi.
È quanto emerso da un nuovo studio pubblicato sulla rivista “Therapeutic Advances in Chronic Diseaseche ha fornito informazioni sulla questione legata al fumo e al Covid-19
 
I ricercatori dell’Università di Patras, dell’Università dell’Attica Occidentale, dell’Università di Catania e dell’Università di New York hanno compiuto una meta-analisi di 30 studi sull’associazione tra fumo e Covid-19. È la più grande meta-analisi pubblicata su questo argomento fino ad oggi, con un totale di 11.104 pazienti ricoverati in ospedale, di cui 961 fumatori.
Gli autori hanno calcolato la percentuale di pazienti ospedalizzati con Covid-19 che erano al contempo fumatori, tenendo in considerazione i tassi sul fumo tra la popolazione. Quest’ultimi sono stati rigorosamente adattati ai fattori di sesso ed età, il che – sottolinea una nota – “chiaramente, fa sottovalutare i tassi tra la popolazione e la prevalenza prevista del fumo”. La percentuale di pazienti con malattia da Sars COV-2 e fumatori era 3-4 volte inferiore alla prevalenza dei tassi sul fumo prevista (basata sulla popolazione), anche attenendosi rigorosamente a fattori di età e genere. I pochissimi fumatori ricoverati in ospedale hanno avuto tra il 53 e il 59% di probabilità più alte di avere un esito negativo rispetto ai non fumatori.

 
I risultati dello studio sostengono che l’aumento del rischio di malattie gravi ed esiti negativi è limitato ai fumatori ricoverati in ospedale e non alla popolazione generale dei fumatori. Scoperta ampiamente coerente che è stata omessa negli studi precedenti.
Gli autori dichiarano che i fumatori dovrebbero smettere di fumare. Tuttavia, il numero molto basso di fumatori che vengono ricoverati in ospedale per Covid-19 evidenzia ancora una volta la questione della nicotina farmaceutica che presenta potenziali effetti benefici sul Covid-19: un’ipotesi che è stata recentemente presentata nella pubblicazione di revisione e che deve essere ulteriormente studiata, secondo gli autori. Infatti, i risultati dello studio potrebbero essere spiegati, almeno in parte, dal fatto che l’assunzione di nicotina viene interrotta immediatamente dopo che i fumatori entrano in ospedale, privandoli dei potenziali effetti benefici della nicotina.
“Questo studio è la più grande meta-analisi su fumo e Covid-19, con 30 ricerche prese in considerazione – ha dichiarato Konstantinos Farsalinos, primo autore dello studio – inoltre, è il primo studio che ha analizzato sia la prevalenza di tabagisti tra i pazienti ospedalizzati a causa del Covid-19 e l’associazione con patologie gravi ed eventuali risultati avversi. Mentre abbiamo scoperto che il fumo è associato con probabilità più alte di esiti avversi, abbiamo al contempo notato che il numero di fumatori che ha sviluppato forme gravi di Covid-19 che richiedevano l’ospedalizzazione era rappresentato solo da 1/4 circa dei numeri che si aspettavano. Questo risultato – ha aggiunto – è cruciale per capire gli effetti del fumo, in quanto la conclusione più accurata è che pochi fumatori vengono ospedalizzati per il Covid-19, ma questa piccola proporzione di fumatori può incorre in patologie più gravi dei non fumatori. Questi risultati supportano in pieno la nostra ipotesi, presentata sin da aprile, che la nicotina possa avere effetti terapeutici in casi di Covid-19. Questo deve essere esaminato urgentemente”.

“Non è ancora certo se il fumo di tabacco sia veramente protettivo nei confronti dell’infezione da Sars-COV-2 e/o per eventuali esiti del Covid-19 – ha spiegato Riccardo Polosa, Fondatore del CoeHar – ma una cosa è certa: i dati contro-intuitivi sulla prevalenza del fumo nella nostra meta analisi non incriminano il fumo come fattore di rischio per la suscettibilità all’infezione da Sars-COV-2 e al ricovero in ospedale per Covid-19. Da ciò può derivare il fatto - dato che i sistemi che rilasciano nicotina senza combustione sono molto meno tossici delle sigarette - che è altamente improbabile che i prodotti per il vaping e quelli a tabacco riscaldato siano un fattore di rischio per l’infezione e/o lo sviluppo della malattia”.
 

07 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy