Quotidiano on line
di informazione sanitaria
01 AGOSTO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Obesità. Gastroplastica endoscopica efficace a 5 anni

di Marilynn Larkin

In uno studio di follow-up a 5 anni, la gastroplastica a manica endoscopica ha mostrato di essere efficace in pazienti obesi che si sottopongono a chirurgia bariatrica dopo l’insuccesso di farmaci e dieta.

13 OTT - (Reuters Health) – In uno studio di follow-up monocentrico di cinque anni, la gastroplastica a manica endoscopica (ESG) si è dimostrata sicura ed efficace per la perdita di peso. “È un ottimo intervento, i pazienti sono soddisfatti e si ottengono ottimi risultati”, osserva Reem Sharaiha della Weill Cornell Medicine di New York, autrice dello studio.

Lo studio
Sharaiha e colleghi hanno studiato 216 pazienti sottoposti a ESG presso la Weill Cornell dal 2013 al 2019 (età media, 46 anni; 68% di sesso femminile). Durante l’intervento, l’endoscopista inserisce un dispositivo di sutura attraverso la bocca e nello stomaco, che viene suturato per ridurne le dimensioni.
I partecipanti allo studio avevano un indice di massa corporea > di 30 kg/m2 (o >27 con comorbilità) e non erano riusciti a raggiungere una perdita di peso in tutto il corpo (TBWL) di almeno il 5% con misure non invasive come i farmaci.

Tutti gli interventi sono stati eseguiti dallo stesso endoscopista e i pazienti sono stati seguiti fino a cinque anni dalla procedura.

Come riportato su Clinical Gastroenterology and Hepatology, dei 216 partecipanti, i dati sul follow-up a uno, tre e cinque anni sono stati disponibili per 203, 96 e 68 pazienti, con tassi di follow-up completo del 70%, 71% e 82%.

A un anno, la perdita totale di peso (TBWL) media era del 15,6%, con l’89% e il 77% dei pazienti che hanno raggiunto una TBWL del 5% e del 10%. A tre anni, la TBWL media era pari al 14,9%, con l’85% e il 63% dei pazienti che hanno mantenuto una TBWL del 5% e del 10%. A cinque anni, la TBWL media era del 15,9% e del 90%, con il 61% dei soggetti che ha mantenuto una TBWL del 5% e del 10%.

Chi non è riuscito a raggiungere una perdita di peso del 5% entro tre mesi dalla ESG o ha guadagnato peso dopo l’intervento ha ricevuto farmaci antiobesità. 58 pazienti (27%) hanno iniziato la farmacoterapia per perdere peso a una mediana di cinque mesi dopo la ESG, in seguito alla stabilizzazione della perdita o dell’aumento di peso.

Il 32% dei pazienti ha manifestato eventi avversi (EA) lievi, come pirosi, nausea e vomito. Tre (1,3%) hanno avuto EA moderati e nessuno ha presentato EA gravi o fatali.

Fonte: Clinical Gastroenterology and Hepatology

Marilynn Larkin

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

13 ottobre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy