Quotidiano on line
di informazione sanitaria
29 NOVEMBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Linfedema dopo tumore al seno. Densità mammella prevede il rischio

di David Douglas

Nelle pazienti con tumore del seno che si sono sottoposte a resezione dei linfonodi ascellari, la densità mammografica della mammella è tra i fattori associati al rischio di andare incontro a linfedema. L’evidenza emerge da una ricerca pubblicata da JAMA Network Open e condotta da un gruppo di scienziati coordinato da Fei-Fei Liu, del Princess Margaret Cancer Centre di Toronto.

19 NOV - (Reuters Health) – Il linfedema è una complicanza chirurgica che si verifica in circa il 20% delle pazienti con cancro del seno che si sottopongono a resezione dei linfonodi ascellari. Questo rischio quasi raddoppia quando al trattamento chirurgico si associa radioterapia o chemioterapia. Inoltre, la patologia diventa sempre più difficile da trattare con il tempo, a causa della progressiva fibrosi.
 
 
Lo studio. Fei-Fei Liu e colleghi, del Princess Margaret Cancer Centre di Toronto, hanno esaminato i dati raccolti su 373 donne con età media di 52,3 anni. Tutte avevano completato la terapia dopo la prima diagnosi di tumore al seno. Dall’analisi multivariata è emerso che età, indice di massa corporea (BMI) e densità mammografica erano tra i fattori prognostici indipendenti associati al linfedema, così come il numero di linfonodi patologici e la resezione dei linfonodi ascellari.

Nei test di convalida del modello, poi, è emersa una correlazione moderata, ma statisticamente significativa, tra il volume del linfedema misurato e quello previsto. L’area sotto la curva era di 0,72 nel predire il linfedema lieve e di 0,83 per il linfedema grave.


“Attualmente, a circa un terzo dei pazienti viene diagnosticato un linfedema nelle fasi avanzate”, spiega Liu. “Abbiamo sviluppato un modello matematico per predire la morbidità del linfedema, sulla base del quale le pazienti con bassa densità del seno sono a maggior rischio di sviluppare un linfedema grave. Individuare chi è a maggior rischio, con questo modello potrebbe aiutare nell’identificazione delle pazienti per trattarle subito”.

Fonte: JAMA Network Open

David Douglas

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

19 novembre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy