Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 GENNNAIO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. Rezza: “Vaccinazione procede. In seconda fase coinvolti fragili e anziani”. Locatelli: “Per pazienti pediatrici si studia vaccinazione per i genitori”


Gli effetti delle vaccinazioni che procedono speditamente, ha spiegato Rezza, "non si possono vedere nel breve periodo". Quanto ai pazienti pediatrici che non potranno essere sottoposti alla vaccinazione contro il Covid, Locatelli ha precisato: "Si pensa a coprire indirettamente anche i pazienti pediatrici, per i quali non è approvato l'uso del vaccino anti Covid attraverso la vaccinazione prioritaria dei conviventi a partire da madre e padre". LE SLIDE

08 GEN - "Le regioni stanno rispondendo molto bene alla vaccinazione. Ma gli effetti non si possono vedere nel breve periodo. Le persone fragili dovranno avere accesso alla vaccinazione contemporaneamente alle persone anziane nella seconda fase".
 
Così il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute Gianni Rezza nel corso della conferenza stampa sui dati del monitoraggio.
 
"C'è una riflessione ed un'interazione anche con le società scientifiche di riferimento per dare una copertura vaccinale anche ai pazienti oncoematologici, oncologici e a pazienti sottoposti a trapianto. Si pensa a coprire indirettamente anche i pazienti pediatrici, per i quali non è approvato l'uso del vaccino anti Covid attraverso la vaccinazione prioritaria dei conviventi a partire da madre e padre", ha spiegato il presidente del Css, Franco Locatelli.
 
"Entrambi i vaccini approvati Pfizer e Moderna - ha detto Locatelli - sono basati sulla tecnologia Rna-messaggero e l'intervallo tra le due somministrazioni è di 28 giorni per Moderna anzichè di 21. Per ogni flacone di Moderna sono ottenibili 10 dosi, non necessita di essere diluito e si conserva tra 15 e 25 gradi".

 
"I dati sul vaccino Moderna - ha proseguito Locatelli - indicano nei soggetti ultra 65enni delle percentuali di efficacia nell'ordine dell'85-86% e questo non era scontato". Riferendosi quindi al profilo della sicurezza del vaccino, "è assolutamente consistente con quello osservato con Pfizer". Inoltre, il presidente del Css ha rassicurato sull'efficacia di questi vaccini rispetto alla cosiddetta "variante inglese".
 
"Oggi - ha concluso Locatelli - l'Ue ha annunciato che ci saranno 300 mln di dosi di vaccino Pfizer in piu per l'Unione europea e il 13.46% saranno destinate all'Italia e questo rassicura rispetto alle dosi che avremo nel corso dell'anno".
 

08 gennaio 2021
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Slide

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy