Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 SETTEMBRE 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Etichette su integratori e alimenti. Pubblicato il Registro europeo degli health claims

Sono semplici affermazioni, che possono essere messe sulle confezioni dei prodotti per descrivere gli effetti dei principi attivi. Arriva il Registro europeo. Un lavoro complesso, che però non ha mancato di suscitare perplessità dall'industria alla comunità accademica.

30 MAG - È stato pubblicato la scorsa settimana, dopo sei anni di lavoro, il Registro europeo degli health claims, le indicazioni che potranno essere riportate su integratori e alimenti: si tratta di 222 frasi – su 5000 valutate dagli esperti dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) – che riguardano i principi contenuti nei prodotti e che potranno essere apportate sulle confezioni per descrivere gli effetti di integratori o principi attivi. Il documento è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.
 
Il documento è stato stilato nello specifico dal Panel sui prodotti dietetici, sulla nutrizione e sulle allergie (Nda) dell’Efsa, e si riferisce alla salute orale e ossea, oltre che a quella di articolazioni e pelle. Qualche esempio?“Lo zinco contribuisce al metabolismo acido base” o “Il ferro contribuisce alla normale funzione cognitiva”.
Le linee guida sono state redatte sulla base di opinioni scientifiche del Panel stesso. “Per cui – viene specificato nell’abstract – il documento rappresenta la visione dell’Nda sugli health claims, che deriva dall’esperienza accumulata negli anni sull’argomento”. Dunque, come a mettere le mani avanti, gli esperti spiegano che l’elenco non vuole essere esaustivo di tutti gli effetti benefici delle sostanze nominate, né degli studi o dei risultati scientifici che lo dimostrano.

Nonostante questa premessa, che è chiaramente leggibile anche sul sito dell’Efsa stesso, c’è già chi ha manifestato i primi dubbi, chiedendosi se il lavoro fatto dagli esperti possa essere utile per l’utenza: le indicazioni sono chiare e comprensibili? “Ci chiediamo anzitutto se sia stato fatto un buon lavoro per il consumatore”, ha infatti dichiarato Germano Scarpa Presidente FederSalus, Associazione che rappresenta le aziende italiane operanti nel settore degli integratori e dei prodotti salutistici. “Temiamo che l’acquirente, a fronte di simili indicazioni, resti perplesso e confuso e finisca per abbandonare i nostri prodotti. Ne avrà così un danno tanto il consumatore quanto l’industria”.
Secondo una stima elaborata da uno studio inglese del 2010, l’impatto del Regolamento UE 1924/2006 avrà esiti devastanti proprio sulle piccole e medi imprese, ricordate dall’europarlamentare, che producono e commercializzano integratori alimentari. Questi prodotti, senza possibilità di comunicare il loro valore salutistico, verranno penalizzati negli acquisti di almeno il 25 % con una conseguente perdita di 13.300 posti di lavoro. I dati sono tanto più preoccupanti se inseriti nel contesto di grave crisi economica ed occupazionale che l’Italia e la Ue stanno attraversando. “Il metodo di valutazione delle prove scientifiche su alcuni health claims sembra essere sproporzionato”, ha pubblicamente dichiarato Renate Sommer, eurodeputata del Gruppo PPE. “La procedura di valutazione impone dei criteri che difficilmente possono essere soddisfatti da parte delle Piccole e Medie imprese”.
 
Ad alimentare dubbi sugli esiti del processo di autorizzazione, inoltre, contribuiscono esponenti della ricerca scientifica. Diversi ricercatori europei hanno dichiarato in un documento di consenso scientifico pubblicato su Elsevier Nutrition Journal che il lavoro svolto da EFSA “non è appropriato per la valutazione di claims per gli alimenti” in quanto sarebbero stati assunti parametri idonei a misurare l’efficacia dei farmaci ma totalmente inadeguati ad appurare l’attività benefiche di sostanze alimentari. Ma allora, a che giova l’applicazione in questi termini del Regolamento sugli health claims? “Crediamo a nessuno”, ha risposto Germano Scarpa. “Pensiamo anzi che, così come attuato, finisca per alimentare una serie infinita di ricorsi alla Corte di Giustizia contraddicendo in tal modo le sue premesse iniziali: chiare informazioni al consumatore e sviluppo della ricerca industriale”.

30 maggio 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy