Quotidiano on line
di informazione sanitaria
04 DICEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. Gsk: “Buoni risultati per otilimab nei pazienti ospedalizzati”


Lo studio Oscar ha mostrato che l’anticorpo monoclonale otilimab, nei pazienti over 70 ospedalizzati con Covid, in combinazione con lo standard di cura, è in grado di ridurre sensibilmente l’insufficienza respiratoria dopo 28 giorni di terapia, abbassando il tasso di mortalità. Queste evidenze hanno spinto Gsk a modificare lo studio Oscar per espandere questa coorte e confermare i risultati potenzialmente significativi.

26 FEB - GlaxoSmithKline ha reso noti i risultati dello studio di fase 2 “proof of concept” OSCAR (Otilimab in Severe COVID-19 Related Disease) relativo a otilimab, un fattore stimolante le colonie di macrofagi anti-granulociti (anti-GM-CSF) ) anticorpo monoclonale.

L’endpoint primario dello studio OSCAR era la percentuale di pazienti COVID-19 che erano vivi e privi di insufficienza respiratoria 28 giorni dopo il trattamento con una singola dose di otilimab in aggiunta allo standard di cura (inclusi trattamenti antivirali e corticosteroidi), rispetto ai pazienti in trattamento solo con standard di cura.

I dati provenienti da pazienti di tutte le età hanno mostrato una differenza di trattamento del 5,3% ( 95% CI = – 0,8% , 11,4% ), ma senza raggiungere la significatività statistica.

Tuttavia, una pre-pianificata analisi di efficacia per età nei pazienti di 70 anni e oltre (N = 180, 806 nello studio totale) ha mostrato che il 65,1% dei pazienti era vivo e libero da insufficienza respiratoria 28 giorni dopo il trattamento con otilimab più standard di cura, rispetto al 45,9 % dei pazienti che avevano ricevuto il solo standard di cura (delta del 19,1%, 95% CI = 5,2%, 33,1%) (nominale p – value = 0.009) .

Inoltre, in un’analisi della mortalità fino al giorno 60, una differenza di trattamento del 14,4% in favore di otilimab è stata vista con tassi del 40,4% su standard di cura contro il 26% su otilimab più terapia standard ( 95% CI = 0. 9 %, 2 7 , 9%) (nominale p-value = 0.040) in pazienti di 70 anni di età ed oltre.
Questi dati suggeriscono un potenziale ed importante beneficio clinico in un pre-definito sottogruppo di pazienti ad alto rischio e la necessità di salute pubblica, GSK ha quindi deciso di modificare lo studio OSCAR per espandere questa coorte per confermare questi risultati potenzialmente significativi.
 
“I pazienti di età pari o superiore a 70 anni rappresentano il 70% dei decessi correlati a COVID e quasi il 40% dei ricoveri – dice Christopher Corsico, Senior Vice President Development, GSK – La nostra comprensione scientifica di COVID continua ad evolversi a un ritmo rapido con studi recenti che suggeriscono che GM-CSF è elevato in questo gruppo di pazienti. Dato il profondo impatto che questa pandemia sta avendo sugli anziani e i dati incoraggianti che condividiamo oggi, speriamo che questa scoperta venga replicata nella coorte aggiuntiva“.

Circa il 10-15% dei pazienti con diagnosi di COVID-19 soffre di una malattia grave che comporta problemi respiratori che possono richiedere ospedalizzazione e terapia intensiva, con un ulteriore 5% dei pazienti che si ammalano in condizioni critiche. L’età è ampiamente riconosciuta come un fattore di rischio significativo per la grave malattia da COVID-19 .

Una maggiore gravità della malattia e un aumento della mortalità si osservano costantemente nei pazienti più anziani con COVID-19 polmonare grave. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti , il rischio di ospedalizzazione è 5 volte maggiore per i pazienti di età compresa tra 70 e 74 anni, fino a 8 volte maggiore per i pazienti di età pari o superiore a 75 anni. Questi pazienti spesso necessitano di interventi respiratori compreso un significativo supporto di ossigeno o ventilazione meccanica . I gravi sintomi respiratori di COVID-19 sono causati dal sistema immunitario del corpo che entra in super attività per eliminare il virus e possono portare a complicazioni potenzialmente letali o addirittura alla morte.

Ricerche recenti suggeriscono che il ruolo della citochina GM-CSF nella risposta immunitaria a COVID -19 possa essere più prominente nei pazienti di età superiore ai 70 anni, mettendoli a maggior rischio di gravi complicazioni legate a COVID-19. C’è una necessità insoddisfatta di ulteriori terapie per aiutare a mediare la risposta immunitaria in questa popolazione di pazienti.

La coorte aggiuntiva dello studio OSCAR seguirà un disegno di studio simile e arruolerà circa 350 pazienti di età di 70 anni e oltre.

Le terapie attualmente disponibili hanno un beneficio clinico limitato nelle fasi più gravi del COVID-19 in ospedale, quando i pazienti richiedono ossigeno ad alto flusso o ventilazione meccanica invasiva. Ad oggi, nessuna terapia immunomodulante mirata ha dimostrato di avere benefici sufficienti per migliorare il recupero dall’insufficienza respiratoria o ridurre la mortalità nei pazienti di età pari o superiore a 70 anni.

Nello studio OSCAR, l’evento avverso grave più comune osservato è stato l’insufficienza respiratoria (5% per il placebo, 4% per otilimab). Nel complesso, tutti gli eventi avversi e gli eventi avversi gravi osservati erano tipici di una popolazione COVID-19 grave. Nel sottogruppo di età pari o superiore a 70 anni, i tassi di incidenza di eventi avversi gravi e eventi avversi fatali erano inferiori nel gruppo otilimab rispetto al gruppo placebo

26 febbraio 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy