Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 01 DICEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sindrome dell’intestino irritabile, i problemi psicologici possono peggiorare la prognosi


Uno studio statunitense ha osservato che le persone che soffrono di sindrome dell’intestino irritabile spesso presentano comorbilità psicologiche che possono influire negativamente sulla gravità dei sintomi e sulla gestione della patologia

08 LUG - (Reuters Health) – I soggetti con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) spesso hanno come comorbilità problemi psicologici, che potrebbero influire sulla gravità dei sintomi.
 
La IBS è un comune disturbo gastrointestinale funzionale che affligge tra il 5% e il 10% della popolazione mondiale, osservano Alexander Ford e colleghi, della Leeds Gastroenterology Unit del St. James University Hospital, sull’American Journal of Gastroenterology.
 
La patofisiologia del disturbo rimane non pienamente compresa ma vi sono evidenze del coinvolgimento di una comunicazione disturbata tra l’intestino e il cervello, tanto che ora – segnalano i ricercatori - la IBS è considerata un disturbo dell’interazione intestino-cervello, segnalano gli studiosi.
 
Lo studio
Ford e colleghi hanno esaminato le comorbilità psicologiche nei pazienti con IBS e il loro impatto sulla prognosi nell’arco di 12 mesi in 807 adulti che soddisfacevano i criteri di Roma IV per IBS al basale.
 
Di questi, 245 non presentavano comorbilità psicologiche, 177 (22%) ne avevano una, 139 (17%) due, 103 ne presentavano tre, 89 (11%) quattro e 54 (7%) manifestavano cinque comorbilità psicologiche.
 
La gravità dei sintomi di IBS al basale aumentava significativamente con il numero di comorbilità psicologiche: il 72% di quelli che avevano cinque comorbilità psicologiche segnalavano sintomi gravi rispetto al 29% dei soggetti senza alcuna comorbilità (P<0,001).
452 partecipanti (56%) sono stati seguiti per 12 mesi e quelli con più comorbilità psicologiche al basale avevano probabilità significativamente superiori di aver consultato un gastroenterologo. Si è rivolto al gastroenterologo il 33% dei soggetti con cinque comorbilità psicologiche rispetto al 21% di quelli senza alcuna comorbilità psicologica (P=0,001).
 
Gli adulti con più problemi psicologici avevano anche maggiore probabilità di provare ciclicamente più trattamenti, di segnalare sintomi di IBS più gravi e dolore addominale continuo e di riferire che i sintomi influivano sulle attività quotidiane almeno la metà delle volte.
 
La valutazione psicologica e l’accesso alla terapia per i pazienti con un forte burden psicologico potrebbe migliorare la prognosi dell’IBS, conclude il team dello studio: "A meno che la salute psicologica non venga valutata formalmente nella pratica clinica, questo sottogruppo di pazienti con IBS e un forte burden psicologico, la cui prognosi è peggiore, non verrà identificato e i loro problemi non saranno affrontati. Pertanto, riteniamo che questa debba essere parte della valutazione di routine dei pazienti con IBS”.
 
Fonte: American Journal of Gastroenterology
Staff Reuters
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)


 

08 luglio 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy