Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 APRILE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Pani (Aifa): “In arrivo un paniere di nuovi farmaci con una spesa aggiuntiva di 300 milioni annui"

“E il problema sarà far quadrare le risorse del Ssn", ha detto il direttore dell’Agenzia. E dal Rapporto Osmed, tutti i dati sulla spesa e i consumi farmaceutici: 26,3 mld di euro nel 2011. Ma cresce la spesa diretta dei cittadini: +21% per i farmaci di fascia A  e +3,7% per quelli di fascia C.

05 LUG - Alla presentazione del Rapporto annuale dell’Osservatorio nazionale sull’impiego dei medicinali (Osmed), che si è svolta oggi a Roma, sono state inevitabili le domande dei giornalisti su come le scelte della spending review, che il Consiglio dei Ministri sta varando in queste ore, incideranno sui consumi farmaceutici.

E la risposta di Luca Pani, direttore generale dell’Aifa, rinvia ovviamente ogni scelta al Governo: “Il problema sarà far quadrare le risorse con i farmaci in via di approvazione, che costeranno circa 300 milioni in un anno solare”. “Bisogna capire se il Ssn coprirà i nuovi farmaci e, eventualmente, con quali limitazioni. È un problema anche di appropriatezza, perché i nuovi farmaci biologici, purtroppo, sono efficaci solo per alcuni pazienti identificati da precisi marker”.

E proprio l’appropriatezza sembra la chiave di questo rapporto Osmed. Come sottolinea Enrico Garaci, presidente dell’Iss: “Occorre ristrutturare il servizio sanitario, ripensando modelli organizzativi, sanitari e medici, in modo che senza ridurre le prestazioni si possano ottenere risparmi notevoli”.

In effetti, i dati forniti dal Rapporto Osmed, relativi all’anno 2011, forniscono molte indicazioni. “Abbiamo fatto una versione 2.0 del Rapporto – ha spiegato Pani – dove i dati sul consumo dei farmaci disegnano un quadro epidemiologico in funzione della clinica e delle scelte terapeutiche”. In sostanza, non solo una fotografia d’insieme, ma un’analisi statistica che scompone i dati sui consumi per genere, per area territoriale, per costi.

E che inevitabilmente costringe a porsi alcune domande. Perché le Regioni del Sud hanno un consumo più alto di antibiotici? Perché c’è un’adesione alla terapia così bassa, che porta a sprecare tanti medicinali? Perché solo il 9% della spesa farmaceutica  (circa il 15% del volume) riguarda i farmaci generici, quando in Germania si arriva quasi al 50%?

Il quadro complessivo del consumo farmaceutico si riassume in alcune cifre: 26,3 mld di euro spesi in farmaci nel 2011, dei quali i ¾ coperti dal Ssn (12,4 per la farmaceutica territoriale e 7,4 per quella ospedaliera). I cittadini spendono sempre di più di tasca propria: +21% per l’acquisto dei farmaci di fascia A (rimborsabili) e +3,7% per quelli di fascia C.

La categoria di farmaci più utilizzata è quella rivolta alla cura delle patologie cardiovascolari, che costano 5 miliardi di euro all’anno, seguiti da quelli per il sistema nervoso centrale (13% della spesa), gastrointestinali (12,9%), antineoplastici (12,1%).
 

05 luglio 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy