Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 OTTOBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ema raccomanda l’approvazione di mepolizumab per altre tre patologie causate da eosinofili


Il comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Ema ha emesso pareri positivi raccomandando mepolizumab, un anticorpo monoclonale di Gsk che ha come target l’interleuchina-5 (IL-5), per tre patologie di tipo eosinofilico; sindrome ipereosinofila (Hes), granulomatosi eosinofila con poliangioite (Egpa) e rinosinusite cronica con polipi nasali (CRSwNP). Mepolizumab è già approvato per l’uso in Europa come trattamento aggiuntivo per i pazienti con asma eosinofilo grave.

17 SET - Il CHMP dell’EMA ha espresso tre opinioni positive su mepolizumab in tre patologie causate da eosinofili (sindrome ipereosinofila (HES), granulomatosi eosinofila con poliangioite (EGPA) e rinosinusite cronica con polipi nasali (CRSwNP). Le tre opinioni si basano sui dati di altrettanti studi che analizzano il ruolo dell’inibizione mirata dell’IL-5 con mepolizumab in queste malattie causate dagli eosinofili.
 
“Siamo soddisfatti dei pareri positivi del CHMP poiché attualmente sono disponibili limitate opzioni di trattamento mirato per i pazienti in Europa con malattia indotta da eosinofili – osserva Christopher Corsico, Senior Vice President Development di GSK – Se approvato, mepolizumab sarebbe il primo trattamento mirato disponibile per l’uso in quattro di queste malattie e rafforzerebbe ulteriormente il suo ruolo nel prendere di mira la causa sottostante dell’infiammazione”.

HES e EGPA sono entrambe malattie rare potenzialmente pericolose per la vita. L’infiammazione in vari tessuti può causare una serie di sintomi spesso gravi. Lo standard di cura per HES e EGPA spesso include ancora corticosteroidi orali (OCS) e/o terapie immunitarie citotossiche. La disponibilità di mepolizumab potrebbe fornire ai pazienti una nuova opzione di trattamento con il potenziale per migliorare i sintomi clinici e ridurre l’uso di OCS.

CRSwNP è una condizione in cui i pazienti possono sviluppare escrescenze dei tessuti molli chiamate polipi nasali, che possono causare sintomi cronici come ostruzione nasale, perdita dell’olfatto e secrezione. Nella malattia grave, i pazienti possono richiedere un intervento chirurgico ripetuto a causa di escrescenze ricorrenti.

Mepolizumab è già approvato per l’uso in Europa come trattamento aggiuntivo per i pazienti con asma eosinofilo grave. Studi epidemiologici, clinici e fisiopatologici suggeriscono fortemente che CRSwNP e asma sono strettamente collegati e spesso coesistono. Inoltre, i pazienti con EGPA hanno spesso asma grave. Questa sovrapposizione tra le malattie caratterizzate da eosinofili sottolinea l’importanza di comprendere il ruolo complesso degli eosinofili nella malattia.

Mepolizumab è stato studiato in oltre 4.000 pazienti in un totale di 41 studi clinici che analizzano il ruolo che il farmaco può svolgere nel colpire la causa sottostante dell’infiammazione e ridurre gli eosinofili attraverso l’inibizione dell’IL-5.
 

17 settembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy