Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 29 NOVEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Influenza. Ecdc avverte: “Possibile che nuova stagione abbia impatto severo su anziani. Vaccini, igiene e distanziamento le migliori armi”


Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie evidenzia come vi siano alcuni segnali che questa stagione influenzale possa avere un impatto molto più forte della scorsa dove praticamente sembrava scomparsa. “Un forte aumento delle infezioni influenzali durante l'attuale pandemia di COVID-19 potrebbe avere gravi conseguenze per gli anziani e le persone con un sistema immunitario debole”.

26 OTT - “Sebbene il numero complessivo di rilevamenti di influenza nella maggior parte dei paesi dell'UE/SEE sia ancora basso, le indicazioni mostrano che la circolazione dell'influenza è al di sopra della soglia stagionale in Croazia, che è insolitamente precoce. Il principale sottotipo segnalato tra i casi registrati nell'UE/SEE durante l'ultimo mese è A(H3N2), che colpisce in modo sproporzionato le persone anziane ed è associato a una minore efficacia del vaccino. Questo è un segno che la prossima stagione influenzale potrebbe essere severa per le persone anziane e che i modelli di influenza possono variare tra i paesi in termini di tempistica”.  È quanto afferma in una nota il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).
 
"I rilevamenti precoci del sottotipo A (H3N2) sono un'indicazione che la prossima stagione influenzale potrebbe essere severa, anche se non possiamo sapere con certezza come sarà", ha affermato Pasi Penttinen, capo del programma antinfluenzale dell'ECDC. “Un forte aumento delle infezioni influenzali durante l'attuale pandemia di COVID-19 potrebbe avere gravi conseguenze per gli anziani e le persone con un sistema immunitario debole e potrebbe porre un onere aggiuntivo sui sistemi sanitari già messi a dura prova dal COVID-19. È quindi importante prendere le precauzioni necessarie e proteggere coloro che sono più a rischio", ha affermato Pasi Penttinen.

 
La passata stagione 2020-2021 ha infatti registrato una notevole diminuzione (>99%) del numero di infezioni influenzali rilevate nell'UE, con numeri rilevati simili a quelli segnalati durante i periodi interstagionali. “Ciò indica – scrive l’Ecdc - che gli interventi non farmaceutici, come evitare l'affollamento non necessario e il mantenimento delle misure igieniche, sono efficaci non solo nel frenare la diffusione della SARS-CoV-2, ma anche nell'influenza”.
 
“Dalla nostra esperienza con la pandemia di COVID-19, abbiamo ulteriori prove che interventi non farmaceutici come il distanziamento fisico e le misure igieniche possono frenare efficacemente la diffusione dell'influenza. Ciò è particolarmente importante da considerare in ambienti come case di cura e strutture sanitarie”, ha affermato Pasi Penttinen. “La vaccinazione contro SARS-CoV-2 e l'influenza fornisce anche una buona protezione contro le malattie gravi. Coloro che lavorano in un ambiente sanitario o in una casa di cura dovrebbero assicurarsi di essere vaccinati sia contro SARS-CoV-2 che contro l'influenza prima dei mesi invernali”.
 
Circa il 20% della popolazione viene infettata dall'influenza ogni anno e una persona infetta su quattro svilupperà i sintomi. Gli anziani, le donne in gravidanza e le persone con condizioni mediche croniche come malattie cardiache, problemi ai polmoni e alle vie aeree, diabete o problemi del sistema immunitario sono maggiormente a rischio di subire gravi complicazioni da influenza.
 
I farmaci antivirali, assunti il ​​più rapidamente possibile dopo l'insorgenza dei sintomi, sono misure sicure ed efficaci per il trattamento dell'influenza e sono generalmente raccomandati per casi gravi o in rapida progressione. Le loro proprietà profilattiche sono utili anche come misura preventiva durante eventi come le epidemie delle case di cura.

26 ottobre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy