Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 07 DICEMBRE 2019
Sicilia
segui quotidianosanita.it

Sicilia. I Pronto Soccorso di Catania in rete con la Polizia per tutelare personale e pazienti

Grazie a un collegamento telefonico diretto, la polizia interverrà immediatamente nel caso di violenze su medici e infermieri. Le strutture sanitarie si impegnano all'invio telematico, diretto e immediato, dei referti allo scopo di garantire un rapido intervento nei casi in cui si concretizzi un reato o un pericolo per l’incolumità e la salute pubblica.

15 MAG - Un collegamento telefonico diretto tra i presidi ospedalieri della Provincia di Catania e le sale operative della Questura. Un’iniziativa promossa per cercare di ridurre le aggressioni ai danni degli operatori sanitari, ma anche per verificare in tempo reale i referti medici legati a episodi di particolare violenza. La nuova procedura è stata avviata tramite un protocollo firmato dall’assessore alla Salute Lucia Borsellino, dal prefetto Maria Guia Federico, dal Questore Marcello Cadorna, dal direttore dell’Asp Catanese e dai direttori delle tre aziende ospedaliere coinvolte, cioè Angelo Pellicanò, Giorgio Santocito e Salvatore Paolo Cantaro.

Il collegamento delle sale operative permetterà alla polizia di attivare un immediato intervento delle Volanti in caso di violenze nei confronti di medici e paramedici. I Centri sanitari di Pronto Soccorso, dal canto loro, s'impegnano all'invio telematico, diretto e immediato, dei referti medici all'Ufficio sanitario provinciale della polizia di Stato, i cui medici ne valuteranno i profili investigativi e di polizia giudiziaria, allo scopo di garantire un rapido intervento nei casi in cui si concretizzi un reato o un pericolo per l’incolumità e la salute pubblica.


“Si tratta di un progetto importante – ha dichiarato Borsellino – perché consente l’emersione di episodi che spesso vengono sottaciuti dai sottaciuti dai cittadini. Mi riferisco in particolare agli abusi che si verificano tra le pareti domestiche”. A livello organizzativo “non è necessaria una postazione sistematica con dispendio di risorse umane, ma basta un punto telefonico dedicato in ogni Pronto Soccorso e con una trasmissione sistematica, ad indirizzi di posta elettronica dedicata, di tutti i referti medici di cui i sanitari riconoscono la necessità di un approfondimento
investigativo".
 

15 maggio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Sicilia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy