Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 06 DICEMBRE 2019
Sicilia
segui quotidianosanita.it

Aggressioni al personale ospedaliero. Intensificata a Catania la vigilanza delle forze di polizia

È quanto deciso dal Prefetto di Catania, Silvana Riccio dopo l’ennesima aggressione nel mese di febbraio ai danni di un medico al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi a Catania. Il terzo episodio in 12 mesi, nella stessa città. Una situazione preoccupante verso al quale i sindacati avevano sollecitato l’intervento delle istituzioni

03 MAR - “I responsabili degli organi sanitari a rischio sono stati invitati a istallare o potenziare i sistemi di difesa passiva ed i collegamenti telefonici con le forze di polizia e anche ad attivare accorgimenti organizzativi ad hoc”.
 
È quanto ha comunicato il Prefetto di Catania, Silvana Riccio in risposta alle sollecitazioni della Fsi-Usae,Federazione Sindacati Indipendenti aderente alla Confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, che chiedeva i al nuovo Prefetto di Catania di individuare, con la massima urgenza, il percorso da intraprendere e le giuste soluzioni per scongiurare altri casi di violenza. A febbraio l’ennesima aggressione ai danni di un medico al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi a Catania. Il terzo episodio in 12 mesi, nella stessa città.
 
Soprattutto ha aggiunto il Prefetto di Catania: “Al fine di implementare la sicurezza si è disposta un’ulteriore intensificazione della vigilanza da parte delle forze di polizia presso le strutture sanitarie con particolare riguardo al presidio ospedaliero “Vittorio Emanuele” nell’ambito dei servizi di prevenzione generale e controllo del territorio”.

 
Le decisioni sono state maturate, ha ricordato il prefetto, a seguito di un approfondito esame in sede di riunione tecnica con il coordinamento interforze
 
Calogero Coniglio, segretario territoriale della provincia di Catania e coordinatore nazionale Fsi-Usae, ha espresso al Prefetto un “ringraziamo” e “forti dell’impegno manifestato all’atto del suo insediamento “confidiamo – ha scritto in una nota – nella fattiva collaborazione nel garantire anche la sicurezza dei lavoratori di tutti i settori, nel dettaglio infermieri, medici, ausiliari e personale sanitario in servizio negli ospedali catanesi. Questa O.S., da sempre impegnata nel coniugare legalità e diritto dei lavoratori, ha denunciato continuamente i lunghi tempi di attesa nei pronto soccorso,  di cittadini che devono aspettare per trovare un posto letto ed inoltre la gravissima carenza personale sanitario”.

03 marzo 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Sicilia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy