quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Lunedì 25 AGOSTO 2014
Aifa: "Da noi risposte concrete ai genitori dei bimbi in lista d'attesa per metodo Stamina"

In relazione a notizie apparse recentemente su qualche agenzia di stampa o sui social media riguardo un presunto disinteresse da parte di organi e agenzie del Ministero della Salute circa le condizioni di salute di piccoli malati in attesa di ricevere il cosiddetto “metodo Stamina”, l'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha precisato di aver ricevuto, anche per il tramite del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, diverse richieste da genitori di alcuni bambini in lista d'attesa e "di aver provveduto tempestivamente a coordinare le consulenze cliniche e scientifiche con esperti nazionali e internazionali sino a delle visite mediche che si sono regolarmente svolte nei mesi passati". L'Aifa, nel rispetto del codice deontologico, del segreto professionale e della privacy delle famiglie, ha infine precisato che "non fornirà ulteriori elementi o informazioni che possano identificare i pazienti, e ribadisce la sua piena disponibilità a supportare tutte le richieste di sperimentazioni cliniche eseguite in ottemperanza alle norme nazionali ed europee".

© RIPRODUZIONE RISERVATA