quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Giovedì 28 APRILE 2022
Epatiti sconosciute tra i bambini. I casi in Europa salgono a 166. Il paese più colpito resta il Regno Unito. In Italia 17 segnalazioni. Già effettuati 15 trapianti di fegato

Il punto della situazione dell’Ecdc che conferma che non si è ancora venuti a capo della causa scatenante di queste epatiti acute che finora hanno colpito solo bambini, dai primi mesi di vita fino ai 16 anni. L’Ecdc conferma che la causa scatenate di queste epatiti è tuttora sconosciuta anche se sono 5 le ipotesi sul tappeto, di cui quella di un cofattore virale che rende più aggressivo l’adenovirus appare ad oggi la più accreditata, pur se non vi è ancora alcuna certezza, anche perché non tutti i casi sono positivi a quel virus. IL REPORT.

Salgono a 55 i casi sospetti di epatite sconosciuta tra i bambini nei Paesi Ue, ai quali si aggiungo i 111 casi del Regno Unito, il paese finora più colpito. Lo certifica l’Ecdc che ha stilato un rapporto dettagliato paese per paese aggiornato al 27 aprile.

In Italia  sono 17 i casi segnalati, di cui 8 confermati 9 in corso di accertamento ulteriore.

Altri 12 casi sono stati segnalati dagli Stati Uniti, 12 da Israele e uno dal Giappone. 

In tutto sono stati già effettuati 15 trapianti di fegato, di cui 10 nel Regno Unito (in Italia 1).

Tutti i bambini colpiti finora hanno meno di 16 anni.

L’Ecdc conferma che la causa scatenate di queste epatiti è tuttora sconosciuta anche se sono 5 le ipotesi sul tappeto, di cui la prima appare ad oggi la più accreditata pur se non vi è ancora alcuna certezza.

Queste le ipotesi allo studio sulle cause:

La prima. Un cofattore che colpisce i bambini piccoli e che rende più gravi le normalmente lievi infezioni da adenovirus, o inducendoli a innescare l'immunopatologia.

Il cofattore a sua volta potrebbe essere a sua volta classificato come:

  1. maggiore suscettibilità, ad esempio a causa della mancanza di una precedente esposizione ad adenovirus durante la pandemia
  2. una precedente infezione da SARS-CoV-2 o un'altra infezione, incluso un effetto limitato di Omicron
  3. una coinfezione con SARS-CoV-2 o un'altra infezione
  4. una tossina, un farmaco o un'esposizione ambientale

La seconda. una nuova variante di adenovirus, con o senza il contributo di un cofattore come sopra elencato.

La terza. Un farmaco, una tossina o un'esposizione ambientale.

La quarta. Un nuovo agente patogeno che agisce da solo o come coinfezione.

La quinta. Una nuova variante di SARS-CoV-2.

La malattia, spiega ancora l’Ecdc, è piuttosto rara e le prove sulla trasmissione da uomo a uomo rimangono poco chiare, inoltre i casi nell'UE/SEE sono sporadici con una tendenza poco chiara. 

Di conseguenza, sottolinea l’Ecdc, il rischio per la popolazione pediatrica europea non può essere valutato con precisione. Tuttavia, considerando i casi segnalati di insufficienza epatica acuta (ALF), con alcuni casi che richiedono il trapianto di fegato, il potenziale impatto per la popolazione pediatrica colpita è considerato elevato.

Questo il quadro della situazione nei Paesi europei al 27 aprile:

Austria
In Austria sono stati segnalati due casi di epatite acuta grave di eziologia sconosciuta che coinvolgono bambini di età inferiore 10 anni. Entrambi i bambini hanno manifestato sintomi tra febbraio e aprile, oltre a sintomi gastrointestinali nelle settimane precedenti l'esordio dell'epatite acuta. Entrambi i bambini sono stati ricoverati in ospedale e sono in condizioni stabili.

Belgio
In Belgio sono stati segnalati due casi in bambini di età fino a 10 anni. In un caso è stato rilevato l'adenovirus

in un campione di feci, e nell'altro sono ancora in attesa i risultati dai vari siti. Entrambi avevano una precedente infezione da SAR-CoV2.

Danimarca
La Danimarca ha segnalato cinque casi in bambini di età inferiore ai 10 anni da gennaio 2022 in poi e un caso più anziano di 10 anni. Tutti i casi erano negativi per adenovirus e per SARS-CoV-2. Un caso ha avuto un'infezione da SARS-CoV-2 due mesi prima della presentazione. Un caso è risultato positivo per l'influenza A. Nessun trapianto di fegato o decessi avvenuto tra i casi. La sorveglianza non mostra segni di aumento delle infezioni da adenovirus nel Paese.

Francia
La Francia ha segnalato due casi sotto i 10 anni, con insorgenza dei sintomi a metà marzo. Entrambi i casi si sono presentati come gravi epatite acute, ma non sono stati necessari trapianti di fegato. Un caso è risultato positivo per adenovirus. In entrambi i bambini si sospettano disturbi metabolici e una sottostante malattia genetica del fegato. Le indagini sono in corso.

Al momento, non è stato rilevato alcun segnale di aumento dei casi di epatite di origine sconosciuta dalla rete di epatologia pediatrica. Anche la sorveglianza sindromica nelle unità di emergenza non ha osservato alcun segnale e dati dall'agenzia di trapianti non hanno mostrato un aumento dei casi/richiesta di trapianto.

Irlanda
L'Irlanda ha segnalato meno di cinque casi. Un caso è risultato positivo per adenovirus. Nessuno dei casi è risultato positivo per SARS-CoV-2. Non sono stati identificati collegamenti epidemiologici tra i casi. Il numero di casi di epatite di eziologia sconosciuta in questa fascia di età è maggiore del previsto ed è stato inviato un avviso ai medici. Le indagini sono in corso da parte delle autorità sanitarie pubbliche.

Italia
L'Italia ha segnalato un totale di 17 casi in varie regioni italiane. Otto casi sono considerati probabili, mentre nove sono in attesa di classificazione. L'età dei casi non è stata confermata ma tutti i bambini hanno meno di 16 anni. I casi manifestato sintomi dall'inizio di marzo. Due casi sono risultati positivi all'adenovirus. I dati per quattro pazienti non erano disponibili. Per quanto riguarda l'infezione da COVID-19, un paziente è risultato positivo al test SARS-CoV-2 e ha mostrato una carica virale molto bassa e altri quattro casi sono risultati negativi.

Germania
La Germania ha segnalato un caso, un bambino di cinque anni che ha sviluppato sintomi di epatite acuta ed è stato ricoverato in ospedale nel gennaio 2022. Il bambino soffriva in precedenza di sintomi gastrointestinali. Il caso è risultato positivo all'adenovirus e negativo per SARS-CoV-2.

Paesi Bassi
I Paesi Bassi hanno segnalato quattro casi, di età compresa tra 11 mesi e otto anni. Tutti e quattro i casi presentati come ALF e tre di questi hanno ricevuto un trapianto di fegato. Due casi sono risultati positivi all'adenovirus, di cui uno è risultato positivo anche per SARS-CoV-2 e rotavirus. I casi risiedono in quattro diverse regioni del Paese e non c'è chiarezza legame epidemiologico tra di loro. Il centro che ha eseguito i trapianti di solito ne esegue da tre a quattro nei bambini all'anno, quindi il numero osservato è considerato al di sopra della norma.

Norvegia
La Norvegia ha segnalato due casi, di età compresa tra uno e cinque anni. Entrambi hanno mostrato sintomi a marzo e sono stati ricoverati in ospedale ad aprile. Un bambino aveva una precedente infezione da SARS-CoV-2 ed è risultato positivo all'adenovirus al momento del ricovero (test PCR).

Entrambi i bambini avevano una grave epatite senza ALF e si stanno riprendendo bene.

Polonia
La Polonia ha segnalato un caso, un bambino di sette anni che ha manifestato sintomi di epatite acuta ad aprile ed era ricoverato in ospedale. Sono stati segnalati sintomi di affaticamento e vomito nei giorni precedenti. Il bambino aveva una precedente infezione da COVID-19 e test SARS-CoV-2 negativo al ricovero. Sono in corso ulteriori indagini.

Romania
La Romania ha segnalato un caso, un bambino di quattro anni. Il bambino è risultato negativo nei campioni respiratori per SARS-CoV-2, adenovirus e per più di altri 15 altri agenti patogeni. E’ risultato invece positivo agli anticorpi SARS-CoV-2 IgG Ab.

Spagna
La Spagna ha segnalato un totale di 12 casi in bambini con insorgenza di sintomi dal 1° gennaio 2022. Un ulteriore caso era stato rilevato con sintomi a fine dicembre 2021.

I casi confermati (tre maschi e cinque femmine) avevano un'età compresa tra 18 mesi e sette anni e presentavano sintomi tra il 2 gennaio 2022 e il 24 marzo 2022. I casi probabili (due maschi, due femmine e uno sconosciuto) sono di età compresa tra 12 e 16 anni e hanno manifestato sintomi tra il 30 dicembre 2021 e il 1 aprile 2022. Di tutti i casi, uno ha richiesto un trapianto di fegato.

Un caso aveva una storia di infezione da SARS-CoV-2 e uno è risultato positivo per SARS-CoV-2. Uno ha avuto un positivo campione per adenovirus. Un caso aveva un precedente trattamento chemioterapico. Un caso aveva una storia di viaggio nel Regno Unito.

Il numero previsto di casi di epatite acuta di causa sconosciuta in questa fascia di età in Spagna sarebbe variabile tra i quattro  e i 10 casi in questo periodo dell'anno (sulla base dei dati del periodo 2016-2020).

Un aumento dell'attività di adenovirus nella comunità non è stato finora segnalato in Spagna, ma le autorità sanitarie pubbliche stanno riesaminando i registri di sorveglianza per valutare meglio possibili cambiamenti nell'incidenza delle infezioni da adenovirus.

Regno Unito
Il Regno Unito ha identificato un totale di 111 casi in bambini di età inferiore ai 16 anni da gennaio 2022 e dal 20 aprile 2022. Di questi casi, 81 sono in Inghilterra, 14 in Scozia, 11 in Galles e cinque in Irlanda del Nord. Tutti i bambini colpiti presentato ai servizi sanitari tra gennaio 2022 e 18 aprile 2022. In totale, 10 bambini hanno subito un trapianto, mentre il 53% (N=43) dei casi è guarito. In Inghilterra 34 potenziali casi sono in fase di classificazione in attesa di ulteriori dati.

Per quanto riguarda gli 81 casi segnalati in Inghilterra, i casi hanno principalmente un'età compresa tra tre e cinque anni (età media tre anni), il 54,4% sono donne e l'87,5% sono bianche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA