quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Martedì 05 LUGLIO 2022
Covid. Speranza: “In autunno allargheremo l'età per il richiamo vaccinale”. E su operatori Pronto soccorso: “Riconoscerlo come lavoro usurante”

Il Ministro della Salute: “Siamo in un'epoca di ripresa anche nel nostro Paese dei contagi, che stanno crescendo, e sappiamo benissimo che quando il numero dei contagi cresce in maniera così larga anche se la percentuale di ricaduta sui nostri presidi sanitari è più limitata rispetto al passato grazie alla campagna di vaccinazione, però hai comunque una ricaduta con cui fare i conti”

“Ci prepariamo a una campagna vaccinale in autunno in cui allargheremo l'età per il richiamo» del vaccino anti Covid”. Lo ha detto il ministro della salute Roberto Speranza, intervenendo al convengo organizzato dalla Fiaso per i 30 anni dalla legge che ha introdotto le aziende sanitarie. In questo contesto il ministro ha aggiunto un appello ai direttori sanitari a fare il possibile per migliorare, già ora, «la copertura della quarta dose di vaccino ai fragili e agli anziani

“Noi – ha proseguito - siamo in un'epoca di ripresa anche nel nostro Paese dei contagi, che stanno crescendo, e sappiamo benissimo che quando il numero dei contagi cresce in maniera così larga anche se la percentuale di ricaduta sui nostri presidi sanitari è più limitata rispetto al passato grazie alla campagna di vaccinazione, però hai comunque una ricaduta con cui fare i conti”.

Il Ministro ha toccato anche il tema delicato dei lavoratori di Pronto soccorso. “Ho scritto al ministro Orlando una lettera per chiedere che ai professionisti sanitari che lavorano nei pronto soccorso possa essere riconosciuto il lavoro usurante, così da rendere merito a donne e uomini che dedicano la propria vita a lavorare in questi reparti”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA