quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Mercoledì 01 OTTOBRE 2014
Pistola elettrica. La polizia potrà utilizzarla in via sperimentale. Ma non mancano dubbi e polemiche

L'ok è arrivato grazie a un emendamento al decreto stadi approvato dalle Commissioni congiunte Giustizia e Affari Costituzionali della Camera. L'iter sarà sviluppato di concerto con il Ministero della Salute. Amnesty: "Dal 2001 a oggi 864 morti in Canada e Usa causati da questo strumento".

Le Commissioni congiunte Giustizia e Affari Costituzionali della Camera hanno approvato un emendamento al decreto stadi che prevede, in via sperimentale, l’utilizzo da parte delle forze dell’ordine della pistola elettrica Taser. L’iter deve però essere sviluppato di concerto con il Ministero della Salute.

Non mancano dubbi e polemiche legati alla pericolosità dello strumento. Secondo Amnesty International in Canada e Usa dal 2001, anno dell'introduzione, ad oggi i morti dovuti al Taser sono stati 864. "Studi medici a nostra disposizione dimostrano come persone che soffrono di disturbi cardiaci, o in particolari stati di alterazione emotiva e sotto sforzo, possono perdere la vita o riportare gravissime conseguenze se colpiti da questa arma", ha affermato Riccardo Noury, portavoce Amnesty International per l'Italia.

A Miami Beach, l'8 agosto 2013 un 18enne writer colombiano emigrato in Florida è morto dopo essere stato immobilizzato con una pistola Taser da un agente che cercava di impedirgli di disegnare sul muro di un fast food abbandonato. Colpito al petto, è morto dopo il ricovero in ospedale. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA