quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Giovedì 06 NOVEMBRE 2014
Infermieri. L'appello dell'Ipasvi Firenze a Lorenzin: "Intervenga per garantire trasparenza di Ordini e Collegi"

Danilo Massai, presidente del Collegio di Firenze, in una lettera aperta indirizzata al ministro chiede l'istituzione di un Osservatorio per lo studio della riprogrammazione della professione infermieristica e una riorganizzazione dei profili professionali e dei corsi universitari.

Adesione alla normativa sulla trasparenza da parte di Ordini e Collegi, accreditamento obbligatorio dei professionisti con introduzione della Carta Elettronica e istituzione di un sistema strutturale per definire gli standard professionali. Ma anche la creazione di un Osservatorio Ministeriale per lo studio della riprogrammazione della professione infermieristica e una riorganizzazione dei profili professionali e dei corsi universitari, passando dal 3+2 ad un 4 con le specializzazioni. E’ l’ampia e variegata piattaforma di richieste che Danilo Massai, presidente del Collegio Ipasvi di Firenze, ha avanzato in una lettera aperta indirizzata al ministro Beatrice Lorenzin.

La missiva chiede quindi un intervento diretto del ministro al fine di:
- adeguare gli ambiti periferici ad un Ordine degli Infermieri per ciascuna Regione con sede nel Capoluogo Regionale, in aderenza alla riforma degli Enti Provinciali;
- indicare con chiarezza tutte le incompatibilità con le cariche di rappresentanza degli enti ordinistici
- dare un nuovo mandato politico professionale agli enti ordinistici basato su paradigmi orientati ad un ruolo forte nella comunità dei cittadini; dare nuove disposizioni per la magistratura Interna, istituendo una Commissione con partecipazione dei rappresentanti dei cittadini.
- fornire garanzie di democraticità nella composizione degli organi elettivi: su 15 consiglieri almeno 5 dovrebbero rappresentare liste di minoranza.
- promuovere indicazioni affinché i sindaci revisori siano eletti in liste separate ed in possesso di competenze adeguate
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA