quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Giovedì 08 GENNNAIO 2015
D’Alia (Udc) eletto presidente Commissione Bicamerale per le Questioni Regionali

Eletto alla prima votazione. Ex ministro per Pubblica Amministrazione nel governo Letta. Dovrà dare pareri su diversi ambiti riguardanti il governo e le leggi regionali con compiti consultivi, di controllo e informazione.

Gianpiero D'Alia è stato eletto alla prima votazione Presidente della Commissione Bicamerale per le Questioni Regionali. Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione nel precedente governo, D'Alia è deputato di Area Popolare e presidente dell'Udc. D’Alia è nato a Messina, il 22 settembre 1966.  E’ laureato in giurisprudenza ed è avvocato patrocinante nelle giurisdizioni superiori.
 
La Commissione parlamentare per le questioni regionali, prevista dall'articolo 126 della Costituzione, è stata istituita dall'articolo 52 della legge 10 febbraio 1953, n. 62, come modificato dall'articolo 32 della legge 28 ottobre 1970, n. 775: è composta da venti deputati e venti senatori nominati d'intesa dai Presidenti delle rispettive Camere, su designazione dei gruppi, con criteri di rappresentanza proporzionale.
 
La Commissione deve essere consultata allorché debbano essere disposti lo scioglimento del Consiglio regionale o la rimozione del presidente della Giunta regionale nel caso in cui abbiano compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge. La legge ordinaria e i regolamenti parlamentari hanno attribuito alla Commissione parlamentare per le questioni regionali numerose competenze di carattere consultivo, nei confronti di Governo e Parlamento, nell'esercizio del potere, rispettivamente, esecutivo e legislativo nelle materie di rilevanza regionale. Tre sono le funzioni della Commissione: consultiva, di controllo e di informazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA