quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Mercoledì 17 GIUGNO 2015
Sicilia. Cgil: “Al Paolo Borsellino di Marsala tempi di attesa inaccettabili"

E' l'allarme lanciato dal segretario provinciale della Funzione pubblica Cgil di Trapani Vincenzo Milazzo, di ritorno da un sopralluogo al pronto soccorso del nosocomio marsalese. “Decine di utenti, si stima un centinaio al giorno, spesso anziani vengono letteralmente parcheggiati per ore su barelle o sedie a rotelle nelle corsie del pronto soccorso in attesa di essere visitati dall'unico medico a disposizione”.

"Al pronto soccorso dell'ospedale Paolo Borsellino di Marsala i tempi di attesa per gli utenti sono a dir poco inaccettabili". E' la denuncia del segretario provinciale della Funzione pubblica Cgil di Trapani Vincenzo Milazzo che, dopo le diverse segnalazioni da parte di lavoratori e cittadini, ha effettuato un sopralluogo al pronto soccorso del nosocomio marsalese.

"La situazione - ha commentato Milazzo - è raccapricciante. Decine di utenti, si stima un centinaio al giorno, spesso anziani vengono letteralmente parcheggiati per ore su barelle o sedie a rotelle nelle corsie del pronto soccorso in attesa di essere visitati dall'unico medico a disposizione. Inoltre anche il personale infermieristico e' carente con solo due o tre unità che oltre ad assistere il medico si devono occupare di effettuare manualmente il triage a causa di computer obsoleti e non funzionanti".

Milazzo ha chiesto un incontro con la Direzione sanitaria dell'ospedale per sollecitare interventi finalizzati a garantire la presenza di personale numericamente adeguato alle esigenze di un reparto di prima linea quale è il pronto soccorso. Per la Funzione pubblica Cgil si tratta di "una situazione che rende impossibile il funzionamento del pronto soccorso, mettendo a rischio la vita di decine di utenti che vi si recano con patologie che, in alcuni casi, richiedono un tempestivo intervento". Intanto, domani alle 11 si terrà al "Paolo Borsellino" un'assemblea sindacale delle lavoratrici e dei lavoratori.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA