quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Lunedì 05 OTTOBRE 2015
Toscana. Il 6 ottobre torna il Safety&Quality day a Firenze

Torna anche quest’anno l’appuntamento con la giornata regionale per celebrare la sicurezza e qualità delle cure del servizio sanitario. Verranno premiate l'Azienda Sanitaria 9 di Grosseto, l'Azienda Sanitaria 2 di Lucca e l’Azienda Sanitaria 10 di Firenze per i migliori progetti con “risultati tangibili per la sicurezza”.

Anche quest'anno, com'è ormai tradizione, il Centro Gestione Rischio Clinico terrà il Safety&Quality day, la giornata regionale per celebrare la sicurezza e qualità delle cure del servizio sanitario. La giornata sarà domani, martedì 6 ottobre (dalle 9 alle 17) a Firenze, a Villa La Quiete. Titolo, "La sicurezza del paziente, elemento centrale del valore della cura".
 
Quest'anno tre gli ospiti di livello internazionale che parteciperanno all'iniziativa: Giuseppe Remuzzi, direttore Istituto Mario Negri di Bergamo; Peter Lachman, direttore Patient Safety and Quality del famoso Great Ormond Street Hospital for Children; Annegret Hannaw, docente presso l'Università di Lugano e Presidente della Società Internazionale sulla Comunicazione in Medicina.

I loro interventi saranno seguiti da brevi presentazioni dei clinical risk manager toscani sulle migliori pratiche realizzate dalle loro aziende sanitarie per migliorare la sicurezza delle cure, selezionate a livello regionale dai coordinamenti di area vasta.

Nel pomeriggio saranno consegnate le targhe alle tre aziende sanitarie che, a giudizio del Comitato scientifico del Centro GRC, hanno realizzato i migliori progetti con risultati tangibili per la sicurezza. Quest'anno tale riconoscimento andrà all'Azienda Sanitaria 9 di Grosseto, all'Azienda Sanitaria 2 di Lucca e alla Azienda Sanitaria 10 di Firenze.
 
Il giorno successivo, mercoledì 7 ottobre, si terrà inoltre un seminario in collaborazione con Iscome (International Society for Communication in Medicine) sulla comunicazione e prevenzione del rischio, con particolare riferimento alle specialità di chirurgia, oncologia, ostetricia e ortopedia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA