quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Venerdì 22 GENNNAIO 2016
Yemen. MSF: “Attacchi a Saada: dozzine di feriti e almeno sei persone uccise, tra cui l'autista di un'ambulanza”

Il servizio di ambulanza dell’ospedale Al Gomhoury è stato colpito nel pomeriggio di ieri. L’ambulanza è stata colpita quando è arrivata nell’area di un precedente bombardamento. Quando la gente è accorsa per assistere le vittime, la zona è stata colpita ancora. L’ambulanza e l’autista sono stati poi colpiti da un terzo attacco.

Ieri pomeriggio, intorno alle 16 ora locale, il servizio di ambulanza dell’ospedale Al Gomhoury nel governatorato di Saada, in Yemen, supportato da Medici Senza Frontiere (MSF), è stato colpito da un attacco aereo uccidendo un membro dello staff del Ministero della Salute. L’incidente è accaduto a Dhayan, a circa venti chilometri dalla città di Saada, non lontano dall’ospedale di Shiara, anch’esso supportato da MSF, che era stato attaccato il 10 gennaio. L’ambulanza è stata colpita quando è arrivata nell’area di un precedente bombardamento. Quando la gente è accorsa per assistere le vittime, la zona è stata colpita ancora. L’ambulanza e l’autista sono stati poi colpiti da un terzo attacco.
 
“Quest’ultima perdita di un nostro collega è devastante e dimostra con quanta spietatezza l’assistenza medica sia sotto attacco in Yemen. La gente subisce questo tipo di violenza ogni giorno. Nessuno, neanche gli operatori sanitari vengono risparmiati”, dice Teresa Sancristoval, Coordinatore dell’emergenza di MSF.
 
All’ospedale di Al Gomhoury, le equipe del Ministero della Salute e di MSF stanno lavorando a pieno ritmo. Anche altre due città, Baqim e Al Jawf, sono state bombardate la scorsa notte. Il numero totale di feriti e uccisi è ancora incerto. MSF ha ricevuto 40 feriti, sei dei quali sono purtroppo deceduti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA