quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Lunedì 08 FEBBRAIO 2016
Veneto. Depressione. Come combatterla con la telemedicina, il punto in un convegno a Treviso

La sperimentazione sulle opportunità di cura offerte dall’informatizzazione in atto nell’Azienda Ulss 9 Treviso e che ha coinvolto  44 pazienti,  23 mmg e il personale specialistico dei due Centri di Salute Mentale di Mogliano e Treviso sarà illustrata mercoledì 10 febbraio 2016 a Treviso

Riflettori accesi sulle opportunità di cura della depressione offerte dall’informatizzazione. Le esperienze e i sistemi più innovativi attualmente applicati dai medici in Europa e in Veneto e la sperimentazione in atto nell’Azienda Ulss 9 Treviso - dove fino ad oggi sono stati coinvolti 23 medici di medicina generale, il personale specialistico dei due Centri di Salute Mentale di Mogliano e Treviso e arruolati 44 pazienti - saranno presentati nel corso di un convegno mercoledì 10 febbraio 2016 a Treviso. (ore 9.30 villa Lorenzon, viale Oberdan)
 
L’occasione è data dal progetto europeo MasterMind, iniziativa che coinvolge 23 partner di 11 differenti regioni europee incluso il Veneto. Tra i partner l’Azienda Ulss 9 Treviso che, supportata da Arsenàl.IT, promuove un evento dedicato al tema “Navigando verso il Fascicolo - Salute mentale e informatizzazione: stato dell’arte e opportunità in Veneto”.
 
I dati offerti dall’Oms disegnano uno scenario nel quale la depressione nel 2020 sarà la patologia più diffusa nel campo delle malattie mentali. Le forme depressive oggi si stima possano riguardare fino al 10% della popolazione, in differenti fasi della vita,  rappresentando un fenomeno ad elevato impatto sociale. D’obbligo dunque la necessità di cercare soluzioni di cura che godano del supporto anche delle nuove tecnologie.
 
Durante l’incontro saranno illustrati il servizio telematico di Terapia Cognitivo Comportamentale e quello di cura collaborativa tra medici specialisti e medici di medicina generale in fase di sperimentazione nel progetto, con il coinvolgimento complessivo di 5.280 pazienti, di cui 200 provenienti dal territorio dell’Azienda ULSS 9 Treviso.
 
MasterMind infatti, nell’ambito della realizzazione del Fascicolo Sanitario Elettronico regionale, rappresenta una importante occasione per testare la reale integrazione tra il sistema delle cure primarie (primary care) e quello specialistico su una patologia specifica e particolarmente diffusa qual è la depressione, la cui identificazione precoce risulta determinante per la presa in carico del paziente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA