quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Venerdì 02 DICEMBRE 2016
Inps: Certificati di malattia in crescita nel 2015 sia nel pubblico che nel privato

Pubblicati dall’Istituto previdenziale i numeri dell’Osservatorio. Il maggior numero di certificati si registra nel primo trimestre dell’anno. II Nord-ovest è l'area geografica che con il 28,3% presenta il maggior numero di certificati. IL RAPPORTO

Nel 2015 sono stati trasmessi 12.01 milioni di certificati medici per il settore privato e 6.03 milioni per la pubblica amministrazione; il numero dei certificati di malattia trasmessi, rispetto al 2014, presenta un aumento del 4,3% per la pubblica amministrazione e del 4,9% per il settore privato.

Questi i numeri principali dell'Osservatorio Inps che mostrano che il numero dei certificati medici nel 2015 presenta un'elevata stagionalità: è massimo nel primo trimestre dell'anno (circa il 35% nel privato e il 38% nel pubblico) e minimo nel terzo trimestre (circa il 18% nel privato il 14% nel pubblico).

Guardando al territorio e all’insieme dei comparti (pubblico e privato) la distribuzione dei certificati di malattia mostra che, nel 2015, il Nord-ovest è l'area geografica che con il 28,3% presenta il maggior numero di certificati medici. Con riferimento alla distribuzione regionale per il settore privato, in Lombardia si concentra la maggior parte dei certificati medici del 2015, con 2,6 milioni di certificati pari al 21,4%, seguita dal Lazio (11,2%); per la pubblica amministrazione invece, al primo posto abbiamo il Lazio con il 13,7% e la Sicilia con il 12,3%, e a seguire Lombardia (11,5%) e Campania (10,9%). Nel settore privato, a fronte dell'aumento del 4,9% del numero dei certificati medici trasmessi nell'anno 2015 rispetto all'anno precedente, si evidenzia a livello regionale, un incremento massimo in Basilicata (+20,4%) e, due regioni in contro tendenza Valle d'Aosta e Calabria con una diminuzione dell'1,2%. Nella pubblica amministrazione, al 4,3% di aumento del numero dei certificati medici trasmessi nell'anno 2015 rispetto al 2014, contribuiscono in modo particolare la Calabria (+11,8%) e le Marche (+10,6%) mentre nel Lazio si registra un decremento pari all'1,2%.

Le serie mensili dei certificati medici trasmessi nell'anno 2015 per i due comparti (pubblico e privato) presentano un andamento analogo, con valori massimi nei primi 3 mesi e minimo ad agosto.

Confrontando, infine, la distribuzione mensile del numero dei certificati di malattia 2015 con quella dell'anno precedente osserviamo, sia nel settore privato che nel settore pubblico, un incremento dei certificati in quasi tutti i mesi dell'anno più accentuato nei primi 4 mesi. Fanno eccezione i mesi di maggio, giugno, settembre e soprattutto dicembre in cui si registra una forte diminuzione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA