quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Giovedì 24 GENNNAIO 2019
Farmacisti. Fondazione Cannavò, Luca Pani nominato al vertice del Comitato scientifico

Faranno parte del Comitato scientifico il Presidente di Federfarma Marco Cossolo e i Presidenti delle società scientifiche, riconosciute, operanti nell’ambito della Professione: Eugenio Leopardi (Utifar), Paola Minghetti (Sifap), Simona Creazzola (Sifo), Corrado Giua Marassi (Sifac). Il Comitato Scientifico sarà composto, inoltre, da tre Presidenti di Ordine, unitamente a personalità del mondo scientifico, professionale e della cittadinanza attiva.

Prosegue la definizione degli assetti operativi e la programmazione delle attività istituzionali della Fondazione Francesco Cannavò, iniziativa della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani per la valorizzazione e la tutela della figura del farmacista e il suo costante aggiornamento scientifico e culturale.
 
Nell’ultima riunione del CdA della Fondazione, il Professor Luca Pani, psichiatra, docente della Miami University, già direttore generale dell’Aifa e da poco professore ordinario di Farmacologia presso l’Università di Modena, è stato nominato Coordinatore del Comitato Scientifico, carica che lo porta di diritto a sedere nel Consiglio di Amministrazione.

Faranno parte del Comitato scientifico il Presidente di Federfarma Marco Cossolo e i Presidenti delle società scientifiche, riconosciute, operanti nell’ambito della Professione: Eugenio Leopardi (Utifar), Paola Minghetti (Sifap), Simona Creazzola (Sifo), Corrado Giua Marassi (Sifac). Il Comitato Scientifico sarà composto, inoltre, da tre Presidenti di Ordine, unitamente a personalità del mondo scientifico, professionale e della cittadinanza attiva, che saranno nominate dopo le modifiche apportate al vigente statuto.

Il CdA, sulla base dei voti espressi dai Presidenti provinciali, ha inoltre proclamato eletti nel Consiglio Superiore i Dottori Cesare Lapidari, Riccardo Mastrangeli e Francesco Settembrini che si affiancano in tale funzione ai Dottori Ido Benigni e Cesare Priamo Garau già designati dal Comitato Centrale della Fofi.

Sul piano direttamente operativo, è stata altresì deliberata la prosecuzione del progetto centrato sulla piattaforma Farma Lavoro (www.farmalavoro.it), che ha superato i 2,5 milioni di sessioni con oltre 12 milioni di pagine consultate e ha visto la pubblicazione di oltre 7.000 inserzioni di ricerca del personale. La Fondazione provvederà a implementare progressivamente la piattaforma con contenuti inerenti gli sbocchi professionali, bandi e concorsi, fondi, agevolazioni, finanziamenti, monitorando l’evoluzione quali-quantitativa della domanda e dell’offerta di lavoro. Al contempo verrà ampliato lo spazio dedicato a iniziative universitarie post-laurea, master e corsi formativi qualificanti, e sarà aperto un focus sulle esperienze professionali e i progetti scientifici e gestionali realizzati dai farmacisti.

“Sono onorato e consapevole della sfida che attende la Fondazione Cannavò e il suo Comitato Scientifico, nei suoi compiti consultivi e propositivi - ha dichiarato Luca Pani evidenziando - come più volte sottolineato dal Presidente della Fondazione Luigi D’Ambrosio Lettieri, che la sopravvivenza e il rilancio della professione del farmacista risiedono nella consapevolezza della rilevanza del ruolo accompagnata ad una vera e propria “riconversione culturale” oltre che tecnica e scientifica. Grazie anche al contributo del Comitato Scientifico potremo affrontare e definire al meglio un progetto formativo e di qualificazione che accompagni i farmacisti italiani in un percorso che li legittimi nei ruoli fondamentali a cui sono chiamati per sostenere le politiche sanitarie del Paese a tutela della salute pubblica”.
 
A tale proposito, ha aggiunto, “non posso però che concordare con le considerazioni del Presidente della Fofi Andrea Mandelli quando sottolinea come la “Farmacia dei Servizi” debba garantire la standardizzazione e la riproducibilità di tali servizi che solo così possono rientrare in una rinnovata e moderna negoziazione con il Ssn, dimostrando la capacità di migliorare la salute dei cittadini riducendo al contempo i costi evitabili”.

Il Presidente della Fofi Andrea Mandelli, a margine delle decisioni assunte dal CdA della Fondazione, si è detto “sicuro che sotto la guida del Presidente Luigi D’Ambrosio Lettieri e con il prezioso apporto del Professor Luca Pani e del Comitato scientifico si apre una stagione ricca di iniziative e proposte per la Fondazione Cannavò, voluta dal nostro storico presidente, Giacomo Leopardi, come uno strumento per promuovere l’evoluzione del ruolo del farmacista. Un’evoluzione che abbiamo sempre perseguito ma che oggi è giunta a uno snodo fondamentale che richiede l’impegno di tutte le componenti professionali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA