quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Mercoledì 27 MARZO 2019
Sclerosi multipla. La convocazione al Ministero sia l’inizio di un percorso di confronto con i malati



Gentile Direttore,
facendo seguito alla mia lettera del 22 marzo, che vi ringrazio per avere gentilmente pubblicato sul vostro giornale, ho il piacere di segnalarle l’ottimo riscontro della mobilitazione #difendiundiritto, contro le limitazioni all’accesso alla riabilitazione. Al movimento delle persone con sclerosi multipla (SM) si sono unite moltissime altre persone che hanno “messo la faccia” a sostegno delle nostre richieste.
 
Come segnalato anche sulle vostre pagine, il Ministro Grillo ha risposto al nostro appello, e come risultato l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla è stata convocata da parte degli uffici tecnici del Ministero della Salute per il 1 aprile prossimo venturo.
 
È un primo passo carico di attese in cui avremo la possibilità di illustrare le criticità dei provvedimenti in corso di scrittura sulla riabilitazione e di portare all’attenzione le istanze delle tante persone coinvolte. Speriamo che l’incontro sia fruttuoso e siamo fiduciosi che l’adesione del Ministro Grillo sia un segnale di apertura ad aggiustamenti e correzioni che riteniamo essenziali, affinché il diritto alla salute delle persone con SM e di altre gravi condizioni patologiche non venga negato.
 
Questa convocazione è dunque l’inizio di un percorso di ascolto e di confronto che sino ad oggi non è stato possibile in quanto i provvedimenti in oggetto sono stati redatti senza un adeguato processo di coinvolgimento delle Associazione di pazienti, come AISM.

Confidiamo pertanto che con questo ulteriore passaggio saremo in grado di portare il nostro contributo per il migliore risultato nell’interesse di tutti i cittadini. La nostra azione sarà tanto più efficace quanto più forte sarà l’impegno della nostra comunità a portare avanti nelle prossime settimane i messaggi degli ultimi giorni.

In vista di questo incontro continueremo a tenere alta l’attenzione sul tema, e a raccontare su tutti i nostri canali perché la riabilitazione, in particolare quella intensiva e ad alta specialità, sono concretamente così importanti per la qualità di vista delle persone con sclerosi multipla, e non solo.

Angela Martino
Presidente Nazionale AISM 

© RIPRODUZIONE RISERVATA