quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Sileri: “Stop a logica dei Silos, serve integrazione ospedale-territorio”

Il viceministro della Salute ricorda come sia importante “selezionare chi fa cosa e dove, per assicurare una presa in carico del paziente condivisa su tutto il territorio regionale, ancora meglio se nazionale, che eviti sprechi di tempo e di risorse e garantisca una migliore qualità delle cure”

“La nostra sanità pubblica va riprogrammata tutta quanta superando la logica dei silos. Per fare meglio non si possono più quindi considerare servizi e prestazioni come componenti isolate ma nell’ottica di un’integrazione ospedale-territorio con il relativo impatto sociale ed economico”. È quanto dichiara il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri.
 
“La parola chiave – prosegue - è FARE RETE, nella gestione di qualsiasi patologia, favorendo il modello hub-spoke e l’integrazione con i servizi socio-assistenziali locali. Selezionare chi fa cosa e dove, per assicurare una presa in carico del paziente condivisa su tutto il territorio regionale, ancora meglio se nazionale, che eviti sprechi di tempo e di risorse e garantisca una migliore qualità delle cure. Fondamentali sono anche le risorse a disposizione. Ricordo allora i due miliardi in più destinati al Fondo sanitario nazionale confermati per il 2020. E altri due per l’edilizia sanitaria e l’ammodernamento tecnologico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA