quotidianosanità.it

stampa | chiudi


Venerdì 24 GENNNAIO 2020
Sperimentazione animale. Consiglio di Stato accoglie ricorso della Lav e sospende ricerca: “Spetta a chi fa la ricerca provare che non esistono alternative”

Disposta la sospensione del progetto di ricerca “Meccanismi anatomo-fisiologici soggiacenti il recupero della consapevolezza visiva nella scimmia con cecità corticale”. Dovrà essere il Ministero della Salute, che ha dato l'autorizzazione al progetto di ricerca, a fornire con la massima urgenza prova della mancanza di alternativa e a confermare che non si usino cibo e acqua come incentivi premiali per asservire la volontà dei primati usati per la sperimentazione. L'ORDINANZA

“E’ l’Ente che sperimenta a dover provare che non esistono alternative ad una sperimentazione invasiva sugli animali e fioriera di sofferenze che la normativa europea e nazionale sul benessere animale, anche nelle sedi di sperimentazione, prescrive di evitare o ridurre entro rigorosi parametri fisiologici”.
 
È quanto ha stabilito il Consiglio di Stato accogliendo il ricorso della Lega Anti Vivisezione ribaltando l'ordinanza cautelare del Tar del Lazio che aveva respinto l’istanza di sospensione dell’autorizzazione del progetto di ricerca “Meccanismi anatomo-fisiologici soggiacenti il recupero della consapevolezza visiva nella scimmia con cecità corticale”, rilasciata dal Ministero della Salute.
 
Per i giudici “il Ministero deve, con massima urgenza, fornire tale prova sull’impossibilità di trovare alternativa ad una sperimentazione invasiva sugli animali nonché depositare una dettagliata relazione sulla somministrazione agli animali oggetto di sperimentazione di liquidi e cibo sufficienti, astenendosi da misure che finiscano per trasformare la doverosa erogazione di cibo e liquidi in forma di premio per asservire la volontà di animali sensibili come i primati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA